mercoledì, 29 Maggio 2024

Ma Socrate era un boomer?

Esce in questi giorni in tutti gli store l’ultima fatica letteraria dell’artista e scrittore legnanese Roberto Bombassei, dal titolo “Ma Socrate era un boomer?”.

Partendo dal linguaggio moderno dei ragazzi, Roberto Bombassei presenta, attraverso un dialogo con i propri figli adolescenti, la vita di Socrate, Alessandro Magno, Aristotele, Bruno Munari per riscoprire l’essenziale della vita.

Ho voluto scrivere questo testo perché credo che la mia anima ne avesse bisogno, per capire e riflettere su dove la nostra società stia andando, soprattutto sulla base delle nuove tecnologie, dei nuovi linguaggi e dei rapporti tra noi stessi e i nostri figli, che rappresentano il futuro dell’umanità. Attraverso questi discorsi, ho cercato di ritrovare l’essenziale della vita che, talvolta, risulta invisibile a noi adulti. Attraverso i sogni e le storie che ho raccontato ho cercato di presentare a livello intellettuale stimoli nuovi, per contrastare tutto quello che i social (o meglio, gli “a-social”) rappresentano: non servono a fare relazioni reali, non servono a sognare e non servono a dare identità”, spiega l’autore.

Per come la vede Bombassei, nel futuro c’è bisogno di persone preparate, competenti, che abbiano un senso di appartenenza con la realtà: “Ecco perché i nostri ragazzi e anche noi adulti dobbiamo imparare e rimparare nuovamente a sognare, non a inviare messaggi per ottenere un like. Sognare e raccontare insieme ai nostri figli rappresenta il ponte salvatico e immaginifico che consolida i rapporti e li rafforza”.

Oltre al tema della comunicazione, Bombassei affronta nel suo libro anche quello della dignità: Dignità significa a imparare a dire no, per sé stessi, agli altri. Dignità significa identificare il limite oltre al quale una persona di ogni età non dovrebbe mai andare. La dignità è amor proprio. La dignità è libertà. Come ritrovare la dignità in ognuno di noi? Con i sogni personali, con le nostre passioni. Una vita senza passione è una vita vuota. Senza passione la vita è un’umiliazione continua. Insegnate dignità ai vostri figli per avere figli felici e, in un’ottica a 360 gradi, un’umanità felice. Possiamo ancora sognare insieme ai nostri figli? Io credo di sì”.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings