22 C
Comune di Legnano
mercoledì 16 Giugno 2021

LOMBARDIA – Importante operazione antiterrorismo in Lombardia e Piemonte: 6 arresti

Ti potrebbe interessare

San Vittore Olona si prepara al suo “Mulino Day” 2021

Ritorna il "Mulino Day", a San Vittore Olona: il fine settimana dedicato alla valorizzazione dei mulini del territorio, simbolo di storia, natura, tradizioni agroalimentari, cultura popolare. Il “Mulino...

Cinema, musica, teatro, cabaret, fotografia: ecco il programma di “Estate Viscontea 2021”

E’ stato presentato questa mattina, martedì 15 giugno, il programma dell’iniziativa denominata “Estate Viscontea 2021”, la rassegna di eventi culturali promossa dal Comune di...

Paura sul treno Milano Centrale – Taranto: va a fuoco il locomotore

E’ successo questa mattina, martedì 15 giugno, poco dopo le 7: un principio di incendio si è sviluppato nel locomotore del treno Intercity 605,...

Via libera ai lavori alla funivia di Monteviasco

Come confermato dal sindaco di Curiglia con Monteviasco, Nora Sahnane, l'Ustif, Ufficio speciale trasporti a impianti fissi, ha dato il nulla osta a procedere...

Come riporta l’ANSA Lombardia, un’operazione congiunta Ros-Digos in Lombardia e Piemonte ha portato a sei ordinanze di custodia cautelare per presunti estremisti islamici. In manette è finito Abderrahim Moutaharrik, pugile di kickboxing che stava per partire con la moglie Salma Bencharki da Lecco per unirsi al sedicente Stato Islamico. Con loro sarebbero partiti anche i figli di 2 e 4 anni, affidati ora ai nonni. Tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare ci sono anche Alice Brignoli, italiana di 39 anni, che ha cambiato il nome in Aisha, e il marito marocchino Mohamed Koraichi. La coppia è sparita da un anno assieme ai figli per raggiungere l’Isis. La sorella di Mohamed, Wafa Koraichi, è stata arrestata a Baveno (Verbania), mentre a Varese è finito in manette Abderrahmane Khachia. Nelle intercettazioni Mohamed Koraichi parlava con uno degli arrestati di attentati da compiere in Italia. “Caro fratello Abderrahim, ti mando il poema bomba (…), ascolta lo sceicco e colpisci”.
“Per questi nemici giuro, se riesco a mettere la mia famiglia in salvo, giuro sarò io il primo ad attaccarli (…) in questa Italia crociata, il primo ad attaccarla, giuro, giuro che l’attacco nel Vaticano, con la volontà di Dio”. E’ un audio inviato lo scorso 25 marzo da Abderrahim Moutaharrik a Mohamed Koraichi, arrestati entrambi nel blitz antiterrorismo. “L’unica richiesta che ti chiedo – dice Moutaharrik – è la famiglia, tu sai voglio almeno che i miei figli crescano un po’ nel paese del califfato dell’Islam”. “Voglio picchiare (inteso come colpire e far esplodere, ndr) Israele a Roma”, ha detto Moutaharrik in un’altra intercettazione, parlando al telefono con Abderrahmane Khachia, anche lui finito in carcere. Nella telefonata, si legge nell’ordinanza, Moutaharrik fa riferimento “ad un suo disegno per compiere un attentato all’Ambasciata di Israele” chiarendo “di avere contattato un soggetto albanese per procurarsi le armi, non riuscendo nell’intento”.

Articoli correlati