11.6 C
Comune di Legnano
mercoledì 12 Maggio 2021

LOMBARDIA – Centri massaggi stranieri: possibile giro di vite per i permessi

Ti potrebbe interessare

Escursioni nei boschi di Cittiglio: attenzione alle frane

Dopo la frana che ha determinato recentemente la chiusura del Parco delle Cascate di Cittiglio, fino al termine dei lavori di messa in sicurezza...

Buoni Spesa: a Legnano pubblicata la graduatoria. Aiuti là dove c’è bisogno

È stata pubblicata ieri, lunedì 10 maggio, a Legnano, la graduatoria dei cittadini ammessi ai Buoni Spesa destinati alle famiglie colpite dall’emergenza Covid-19, e...

Arriva il Consiglio comunale “misto” a Legnano

Si svolgerà sabato 15 maggio alle 8.30 il Consiglio comunale a Legnano, convocato in modalità “mista”. Vale a dire che la seduta si terrà...

Sport e inclusione: prende il via un progetto nell’Alto Milanese

Sport per tutti. L’Associazione “Cittadinanza Attiva OdV” ha presentato in questi giorni un progetto che ha come fine permettere a disabili, a bambini, ragazzi...

Possibile stretta sui centri massaggi, in particolare quelli gestiti da stranieri, in Regione Lombardia. Si tratta di due emendamenti al progetto di legge regionale di semplificazione che sarà discusso e votato domani dal Consiglio regionale.
Il primo dei due emendamenti è della Lega Nord e prevede che il personale debba avere una certificazione che attesti di aver superato un corso in tecniche per i massaggi olistici. Le caratteristiche, poi, per considerare validi questi corsi dovrebbero, secondo il testo leghista, essere disciplinate dalla Giunta regionale, sentiti i Comuni.
Nel secondo emendamento in questione, firmato dall’assessore regionale all’Economia Massimo Garavaglia (anche lui leghista), è scritto che gli stranieri, europei e non, titolari o delegati all’attività del centro massaggi devono dimostrare con un attestato valido la conoscenza lingua italiana o avere conseguito un titolo di studio in Italia. In caso contrario, devono frequentare un corso di italiano alla camera di commercio o comunque riconosciuto a livello regionale.
Nel testo sono previste anche delle sanzioni da 5 a 15mila euro, agli stranieri che non rispettano questa norma regionale.

FONTE: ANSA Lombardia

Articoli correlati