26.5 C
Comune di Legnano
lunedì 2 Agosto 2021

LOMBARDIA – Centri massaggi stranieri: possibile giro di vite per i permessi

Ti potrebbe interessare

Lavori stradali a Saronno, tra chiusure e deviazioni

Avranno inizio domani, martedì 3 agosto, a Saronno, i lavori alla rotatoria di via Varese/Volonterio e alle sue bretelle di collegamento. Come si legge in...

Fiera di San Francesco a Cerro: cittadini ligi alla regola delle mascherine

Mentre si svolge fino a sera la Fiera di San Francesco oggi, lunedì 2 agosto, a Cerro Maggiore, sul fronte della sicurezza non si...

Pl Smart a Legnano: un veicolo sequestrato, quindici persone identificate, oltre venti violazioni

Un veicolo sequestrato, quindici persone identificate, oltre venti violazioni al Codice della strada è il bilancio dell’attività svolta dal progetto Smart lo scorso fine...

Arrestato a Milano il piromane della zona Est cittadina

E’ successo sabato scorso, 31 luglio, a Milano: la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri hanno arrestato un 32enne milanese, pregiudicato ed attualmente...

Possibile stretta sui centri massaggi, in particolare quelli gestiti da stranieri, in Regione Lombardia. Si tratta di due emendamenti al progetto di legge regionale di semplificazione che sarà discusso e votato domani dal Consiglio regionale.
Il primo dei due emendamenti è della Lega Nord e prevede che il personale debba avere una certificazione che attesti di aver superato un corso in tecniche per i massaggi olistici. Le caratteristiche, poi, per considerare validi questi corsi dovrebbero, secondo il testo leghista, essere disciplinate dalla Giunta regionale, sentiti i Comuni.
Nel secondo emendamento in questione, firmato dall’assessore regionale all’Economia Massimo Garavaglia (anche lui leghista), è scritto che gli stranieri, europei e non, titolari o delegati all’attività del centro massaggi devono dimostrare con un attestato valido la conoscenza lingua italiana o avere conseguito un titolo di studio in Italia. In caso contrario, devono frequentare un corso di italiano alla camera di commercio o comunque riconosciuto a livello regionale.
Nel testo sono previste anche delle sanzioni da 5 a 15mila euro, agli stranieri che non rispettano questa norma regionale.

FONTE: ANSA Lombardia

Articoli correlati