Cerca
Close this search box.
sabato, 20 Luglio 2024
sabato, 20 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

L’emergenza riguarda anche gli animali: le altre vittime del terremoto in Turchia e Siria

Al dramma della devastazione e alla tragedia delle decine di migliaia di persone decedute per il terremoto che ha colpito la Turchia e la Siria, una decina di giorni fa, si aggiunge anche l’emergenza per gli animali, cani e gatti rimasti senza più nessuno che si curi di loro, senza cibo, senza più punti di riferimento.

Così un particolare appello è stato lanciato nelle scorse ore dall’OIPA, l’Organizzazione internazionale Protezione Animali, che con i suoi volontari è già sul campo per soccorrere gli animali rimasti soli, con la distribuzione di aiuti nelle zone terremotate. Come si legge in una nota, tantissimi sono i randagi o gli animali che non hanno più una casa, costretti a vagare per cercare del cibo e per trovare riparo tra le macerie. Nei loro occhi si può vedere la sofferenza e la solitudine di chi non ha più punti di riferimento.

In pochissimi giorni siamo riusciti a far consegnare 450 chili di cibo dove pensavamo fosse più difficile arrivare, in Siria, un territorio dimenticato in cui troppo spesso i randagi sono considerati degli invisibili. Un’altra consegna è prevista nei prossimi giorni ad Aleppo, dove i volontari locali si stanno prodigando per aiutarci ad assistere i quattro zampe. È una corsa contro il tempo per alleviare la fame di questi animali in un momento così difficile, dove anche chi si prendeva cura di loro non può più farlo”, spiega Valentina Bagnato, responsabile Relazioni internazionali di OIPA International.
Anche in Turchia, con il supporto della delegazione locale e in sinergia con volontari del luogo, l’OIPA sta intrecciando una rete solidale di aiuti che raggiungeranno le aree maggiormente bisognose, laddove il sostegno fatica ad arrivare.

Come in ogni tragedia vi sono zone in cui vengono convogliate maggiormente le consegne, mentre altre vengono lasciate con poco o nulla. Noi ci stiamo occupando anche di questi difficili territori, e in questi giorni ci stiamo organizzando per raggiungere Yarbasi, Adana, Elbistan, Adiyaman e Diyarbakir”, dice Bagnato.

Chi desidera coinvolgersi per sostenere l’azione di OIPA a favore degli animali, può consultare questo link: https://www.oipa.org/italia/terremoto-turchia-siria-aiuto-agli-animali/

Per ulteriori informazioni: OIPA International, e-mail: international@oipa.org

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings