22.5 C
Comune di Legnano
martedì 15 Giugno 2021

LEGNANO – Si decide il 24 maggio la destinazione d’uso della villa sequestrata alla ‘ndrangheta

Ti potrebbe interessare

Al via la tredicesima edizione di “Donne in Canto”: uno sguardo al Sud

E' iniziata ufficialmente con la conferenza stampa tenutasi ieri, lunedì 14 giugno a Villa Corvini, a Parabiago, la tredicesima edizione del Festival di voci...

I Carabinieri arrestano a Busto Arsizio la coppia di rapinatori che terrorizzava i senza tetto nella stazione ferroviaria

E’ successo nelle scorse ore a Busto Arsizio: i Carabinieri sono riusciti ad individuare ed assicurare alla giustizia gli autori di una rapina, consumata...

Arriva l’orto che conta: arriva la Fiera del ContrOrto a San Giorgio su Legnano

Prende il via domani, mercoledì 16 giugno, una particolare iniziativa che coinvolgerà i ragazzi e gli educatori del Progetto Officina, della Cooperativa La Ruota. “La...

La centrale di teleriscaldamento si potenzia a Legnano: possibili disagi domani

Mentre nella giornata di domani, mercoledì 16 giugno AMGA Legnano completerà l’intervento di manutenzione straordinaria e di potenziamento della centrale del Teleriscaldamento, intrapreso giovedì...

Come riportato su Facebook dalla pagina ‘Citta’ di Legnano – Palazzo Malinverni’, e’ giunto al traguardo il lungo iter per il definitivo trasferimento al Comune di ‪Legnano‬ della proprietà di un bene immobile confiscato alla criminalità organizzata. Martedi’ 24 maggio il Consiglio comunale sarà chiamato a votare una delibera che prevede l’acquisizione di una villa situata in via Pasubio 21 (rione San Martino) che nel 2012 era stata confiscata nell’ambito di una vasta operazione giudiziaria contro la ‘ndrangheta. L’immobile era la residenza di uno dei principali esponenti lombardi di questa organizzazione criminale. La legge prevede che, in questi casi, la destinazione d’uso di tali beni debba essere esclusivamente per fini sociali. L’Amministrazione comunale sta valutando varie ipotesi ed è orientata a destinare una porzione della villa di via Pasubio a sede del Centro Antiviolenza della Rete Ticino-Olona, cioè una struttura di assistenza e accoglienza al servizio delle donne vittime di ogni forma di violenza, problema di drammatica attualità anche nella nostra zona.

Articoli correlati