mercoledì, 25 Maggio 2022

Legnano – Quella mozione “pattume” sindaco e vice non la voteranno mai

Particolari esternazioni questa mattina a Legnano, da parte del sindaco Gianbattista Fratus e del vice sindaco, assessore al Bilancio Maurizio Cozzi, che hanno voluto commentare con la stampa locale l’epilogo del Consiglio comunale di ieri sera, che è stato chiuso in seguito all’uscita dall’aula di tutta la maggioranza, con anche il primo cittadino.

Poco dopo l’inizio della votazione a porte chiuse di una mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni nei confronti dell’assessore alle Opere pubbliche Chiara Lazzarini, nominata da Fratus circa un mese fa, i rappresentanti della maggioranza hanno abbandonato l’aula, inficiando la seduta.

“La mozione di sfiducia è inammissibile e irricevibile. Non si può accettare, mentre è stata fornita una risposta importante alla città: la maggioranza è unita e compatta. Noi questa mozione, se sarà ripresentata, non la voteremo mai”, ha commentato il sindaco.

“Si tratta di una mozione “raso-terra” nei contenuti. Le mozioni di sfiducia esistono quando si verificano fatti gravi nell’operato in un assessore che fa facendo scelte dannose. Chiara Lazzarini non ha ancora iniziato a lavorare come assessore a Legnano”, spiega Cozzi.

Due cose non hanno funzionato, ed hanno fatto sì che la maggioranza uscisse dall’aula consiliare: la mozione considerata pattumiera, e la scelta di accettare la votazione a porte chiuse, avvallata dal presidente del Consiglio comunale Antonio Guarnieri, esponente di maggioranza (Lega).

“Noi volevamo il voto palese: io avrei votato contro lo stesso, ma impedire il voto palese è impedire la democrazia. Fare politica vuol dire metterci la faccia, sempre”, ha ribadito più volte l’assessore.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI