Legnano – Oldrini lascia il Palio per rimanervi tutta la vita

Il Gran Maestro Alberto Oldrini non si candiderà più. Con un incontro organizzato per la stampa locale ieri pomeriggio al cenobio del Castello, Alberto Oldrini, Gran Maestro del Collegio dei Capitani e delle Contrade del Palio di Legnano, ha annunciato la sua volontà di non ricandidarsi per il rinnovo della sua carica.

Quando il mandato finirà a settembre, Oldrini non si presenterà per ricoprire un’altra volta la carica di GM, come ha fatto nei precedenti due mandati.

“Dopo quattro anni non mi ricandido più. Sono stati anni vissuti in modo pieno, ho fatto tutto quello che ho potuto vivendo ogni progetto fino in fondo. Direi che il mio coinvolgimento nell’attività del Collegio e del Palio mi ha assorbito a 360 gradi, anche a livello emozionale”, ha spiegato Oldrini, accompagnato al Castello dalla moglie e dal figlio.

Il Gran Maestro uscente ha colto l’occasione per ringraziare tutti i membri del Collegio e i suoi due vice GM dei due rispettivi mandati, vale a dire Rino Franchi e Luca Bonini, nonché l’Ufficio Palio del Comune, guidato da Mino Colombo.

“Il Collegio è una grande squadra dove non ci si annoia mai. Tutto il mondo del Palio e le Contrade, che rappresentano la città, sono una macchina sempre in movimento, che vive una grande evoluzione, ed ha regalato alla città un modello “top” anche nelle settimane più difficili per la città di Legnano, come a maggio scorso”, commenta il GM guardando all’ultimo Palio con il Comune di Legnano commissariato.

Alberto Oldrini, visibilmente emozionato, ha elencato alcuni progetti realizzati o avviati, nel corso dei suoi due mandati: la formazione paliesca per i giovani di contrada, la nuova pista di addestramento cavalli, il galà rinnovato, l’affresco restaurato alla chiesa di Sant’Ambrogio, la promozione sociale, e anche l’ipotesi dell’arena per la corsa del Palio e la Fondazione.

Sarò a disposizione del Palio per tutta la vita, anche se non mi ricandido”, ha assicurato il GM.

“Il Palio, la città, le contrade devono ringraziare Alberto, ma soprattutto la sua grande passione, che anima chi vive così intensamente il Palio”, ha detto Bonini seduto ieri al suo fianco.

print