martedì, 18 Gennaio 2022

“Legnano Night Run” edizione 2016: si è compiuta la grande festa della città

Ma come si fa a raccontare una corsa podistica con più di tremila partecipanti, lungo un percorso cittadino? Probabilmente dicendo che si è trattato di una grande festa, di un momento di sport, aggregazione, amicizia e solidarietà come soltanto la “Legnano Night Run” poteva regalare a chi vi ha preso parte, ieri sera, venerdì 9 settembre, con partenza ed arrivo davanti al Castello Visconteo.
Giunta alla sua dodicesima edizione, la marcia non competitiva aperta a tutti sembra proprio aver soddisfatto le aspettative di organizzatori e podisti, atleti venuti anche da fuori città, gruppi sportivi, famiglie con bambini.
La kermesse ha avuto inizio nel tardo pomeriggio, con le iscrizioni dell’ultimo minuto, il ritrovarsi dei partecipanti accompagnati da amici e familiari, il rito dei massaggi pre gara, la posa dei pettorali numerati sulle magliette colorate.
Primi a correre i bambini, in una mini running tutta per loro, a cimentarsi lungo l’anello interno che costeggia il castello per circa 1 chilometro, dotati tutti di piccole luci che hanno illuminato la pista.
Quindi poco dopo le 21 ha avuto inizio la corsa degli adulti, lunga 7.500 metri, lungo un percorso cittadino rinnovato rispetto agli anni scorsi, di tipo veloce e misto, senza curve, con due salite.
Al termine delle rispettive gare sono stati premiati tutti i bambini con una medaglietta a ricordo della serata, e i gruppi più numerosi che hanno corso tra gli adulti: Rotary Parchi Alto Milanese, Roby nel cuore, Heli Runner Agusta.
Le premiazioni sono state salutate dal sindaco Alberto Centinaio, dall’assessore allo sport Maurizio Tripodi e dal presidente della Banca BCC di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi, che sostiene l’evento, organizzato dal Cai di Legnano.
Parte del ricavato dalle adesioni alla corsa è stato devoluto in beneficenza, come annunciato nei giorni scorsi: al sostegno dei progetti “Scuola Khane Valley” in Pakistan e Fondazione Veronesi “Pink is good”, ma anche alla ricostruzione del paese di Amatrice, distrutto dal terremoto del 24 agosto scorso.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI