LEGNANO – Nessun problema alla “Fiera dei Morti”: il bilancio della Polizia Locale

Come si legge sulla pagina Facebook del Comune di Legnano, e’ un bilancio positivo quello che il Comando di Polizia Locale legnanese traccia alla fine della giornata del 1 novembre 2015, giorno della tradizionale “Fiera dei morti”: sono stati 53 gli operatori di Polizia Locale, tra agenti, sottufficiali e ufficiali, impegnati sin dalle 5 del mattino per l’organizzazione interna e per la gestione della viabilità. In ausilio è giunto anche personale delle Polizie Locali di Canegrate, Rescaldina e San Vittore Olona, nell’ambito della convenzione Aggregazione Asse del Sempione. La sicurezza all’interno della fiera è stata garantita anche dalle altre forze dell’ordine. Indispensabile l’apporto dei volontari della Protezione Civile “Alberto da Giussano” per l’assistenza al cittadino nei punti nevralgici della fiera e nei pressi dei cimiteri. Ad aiutare gli automobilisti presso il parcheggio gratuito dell’area mercato, hanno provveduto 8 profughi ospitati presso la struttura di via Quasimodo. La Croce Rossa, attraverso i propri volontari, ha garantito un presidio fisso con autoambulanza nelle aree critiche e disposto la presenza di numerosi operatori sanitari lungo tutto viale Toselli. Nel tratto di viale Toselli, compreso tra corso Magenta e via Santa Caterina, sono state posizionate 180 bancarelle. Durante la giornata sono stati effettuati numerosi controlli amministrativi riguardanti la tutela del consumatore e degli spazi assegnati. Solo un rivenditore di frutta secca ed olive è stato sanzionato in quanto aveva occupato 6 metri in più di quelli assegnati. Quest’anno non si è rilevata la presenza di alcun commerciante abusivo, a dimostrazione dell’efficacia dei servizi preventivi e repressivi messi in campo da qualche anno.
Dal punto di vista viabilistico si sono registrati alcuni intasamenti verso le 11 del mattino e le 17, tuttavia la circolazione è risultata abbastanza fluida grazie al sistema viabilistico che ha evitato i punti di conflitto più critici.

print