mercoledì, 17 Aprile 2024

Legnano lavora al suo Centenario: aperta la raccolta delle proposte. Quando la storia ci ha chiamato…

E’ stata avviata in questi giorni dal Comune di Legnano la raccolta delle proposte per la realizzazione di manifestazioni ed eventi, per celebrare il Centenario di Legnano Città. Da antico borgo sulle rive del fiume Olona a polo di servizi, Legnano è passata nei secoli attraverso numerose trasformazioni, con le industrie, l’arrivo dell’autostrada, delle scuole, dell’ospedale, ed anche di tante persone da tutta Italia per lavorare ed abitarci.
Legnano ha conosciuto la guerra, le Resistenza, la de-industrializzazione, i cambiamenti urbanistici, fino ai progetti di rigenerazione di oggi, come ha avuto modo di commentare nei giorni scorsi il sindaco Lorenzo Radice.

E il 15 agosto del 1924 Legnano diventa città. Il 2024, cento anni dopo, è occasione di festa, considerato anche un anno di passaggio, una sorta di “snodo” con riflessioni sul futuro.

La raccolta delle idee per le celebrazioni è rivolta a cittadini singoli e associazioni, che possono presentare proposte per le inizative da realizzare nel corso di quest’anno. Cinque le aree tematiche intorno alle quali articolare le proposte: Legnano nella storia, Legnano Città Fabbrica, Legnano Città Fabbrica del futuro, Legnano Città aperta e accogliente, Legnano Comune dei Comuni uniti nella diversità. Le proposte e progetti devono essere presentati entro il 15 febbraio per gli eventi da realizzare nel corso del primo semestre 2024, ed entro il 15 giugno per gli eventi da realizzare nel corso del secondo semestre. Le proposte dovranno essere inviate all’indirizzo PEC comune.legnano@cert.legalmail.it
Informazioni possono essere richieste all’Ufficio Eventi: tel. 0331/471297-251-283-329, o via e-mail a eventi.sport@comune.legnano.mi.it

Le proposte saranno valutate dal Comitato per il Centenario, con il mondo del Palio, la Famiglia Legnanese, la Fondazione Ticino Olona.

Dal 1176 Legnano ha unito le diversità, Comune dei Comuni da allora, quando la storia ci ha chiamato”, ha detto Radice.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI