30.7 C
Comune di Legnano
venerdì 23 Luglio 2021

LEGNANO – Ladro di cellulari e marito violento assicurati alla giustizia

Ti potrebbe interessare

A Sumirago colpo in banca da 70mila euro: si cercano tre uomini

E’ successo nella tarda mattinata di oggi, venerdì 23 luglio, a Sumirago: tre ladri, con indosso un passamontagna ma senza armi, sono entrati nella...

Bilancio partecipato a Legnano: partiti gli incontri per i suggerimenti al previsionale 2022

Ha avuto inizio da qualche giorno in Comune a Legnano l’iter partecipativo che servirà per realizzare il bilancio previsionale 2022. Prima tappa l’ascolto delle...

Olimpiadi di Tokio: un minuto di silenzio per le vittime della pandemia. Sfilano le nazioni in nome della speranza

Si è svolta nelle scorse ore di oggi, venerdì 23 luglio, la cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi di “Tokio 2020”, posticipate di un anno...

Panchina distrutta a Canegrate: le immagini delle telecamere al vaglio della Polizia locale

Forse sarebbe meglio che l’ignoto (almeno per ora) responsabile del danneggiamento ad una panchina di piazza Matteotti a Canegrate, si presentasse spontaneamente negli uffici...

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Legnano hanno operato due arresti in flagranza di reato.

Il primo:

Alcuni cittadini, ad un’ora insolita, hanno visto passeggiare una persona sospetta in un parcheggio pubblico tra le auto in sosta, da qui la segnalazione al “112” e il consequenziale arrivo di una “gazzella” per le verifiche del caso.

Proprio tra le auto si nascondeva un 35enne del posto che, con un martelletto frangi-vetro (rosso, come quelli utilizzati per le uscite di sicurezza su autobus e treni) era in possesso di un telefono cellulare, rubato, dopo aver spaccato il finestrino, da un Porsche Cayenne. Il ladro è stato quindi condotto negli uffici di via Guerciotti per poi essere arrestato per furto aggravato e possesso di arnesi atti allo scasso.

Il secondo:

I Carabinieri sono intervenuti presso un’abitazione della zona dove era in corso una lite in famiglia. Fin dall’arrivo, però, la scena che si presentava era ben diversa. Dei due conviventi, la donna era visibilmente scossa e con delle tumefazioni al volto, mentre il compagno era in forte stato di agitazione. Dagli accertamenti è poi emerso un precario quadro di convivenza familiare che si protraeva da anni, che ha visto la donna vittima di ripetute violenze mai denunciate.

Lei è stata portata in ospedale per le cure del caso, mentre lui, – 53enne del posto –, è stato tratto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Articoli correlati