lunedì, 24 Gennaio 2022

Legnano – Il PD commenta: non sono rose e fiori

Non sono tutte rose e fiori. All’indomani del bilancio di fine anno presentato dalla giunta Fratus, dalla sezione locale del PD è stata diffusa una nota dove si illustrano, secondo un diverso punto di vista, le situazioni che sono invece motivo di orgoglio per l’attuale Amministrazione comunale.

E l’elenco è lungo, precisando pro e contro di numerose scelte, in un’ottica critica che pone anche domande a chi sta governando la città.

“La possibilità di spendere 23 milioni di euro farebbe felice chiunque avesse a cuore lo sviluppo della sua città. Ed è giusto andarne orgogliosi. Crea soltanto un po’ di imbarazzo il tono trionfalistico, quasi che questa disponibilità derivasse direttamente e soltanto dalle elevate capacità di chi sta operando. Oltre a ricordare che fu l’uscente giunta Centinaio a dichiarare la disponibilità di un tesoretto di 23 milioni, vogliamo sottolineare che esistono tuttora alcuni aspetti di forte criticità”, scrivono dal PD.

Tra gli argomenti messi in discussione, la costruzione della nuova biblioteca, considerata una scelta sbagliata, un investimento eccessivo e un colpevole non ascolto delle istanze della città; il togliere l’affidamento all’Azienda Sole dei servizi sociali in nome di un “fai da te” in contrasto con gli indirizzi di regioni, provincie e comuni; la sicurezza, quando  a diversi livelli è ancora minacciata dalla microcriminalità; il tema della pubblica illuminazione con il suo affidamento ad Amga, ma quali sono le competenze di Amga nel settore? Ed altri temi.

Dal PD la volontà a ridiscutere insieme le criticità, per dare una risposta alle tante domande dei legnanesi.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI