Cerca
Close this search box.
domenica, 14 Luglio 2024
domenica, 14 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

LEGNANO – COMMISE UNA RAPINA IN CITTA’ TRE ANNI FA. AVEVA TROVATO RIFIUGIO IN UNA COMUNITA’: ARRESTATO LATITANTE

(Immagine di repertorio)

Deve scontare 2 anni e 8 mesi per una rapina commessa nel 2012 a danno di un commerciante di Legnano. Lo aggredì portando via l’incasso della giornata, circa 1000 €uro. Ma da quell’anno la sua vita è stata un continuo andirivieni da Carceri e luoghi di detenzione domiciliare. Pluripregiudicato per ogni tipologia di reato contro il patrimonio, furti, estorsioni, rapine, commesse sempre nell’area dell’Alto Milanese e dei confinanti comuni del Varesotto.
E’ durata cinque giorni la latitanza di F.P., pregiudicato 45enne legnanese che è stato condannato lo scorso 20 ottobre alla pena di 2 anni e 8 mesi dal Tribunale di Milano per rapina e lesioni. Dopo la condanna, aveva lasciato la residenza senza comunicare il luogo dove aveva trovato rifugio. Cinque giorni di lavoro ininterrotto per i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Legnano che , informati dell’emissione da parte dell’Ufficio Esecuzione Penale del Tribunale di Milano in data 24 dicembre 2015 di un Ordine di Carcerazione a suo carico, hanno avviato le indagini tese al suo rintraccio. I familiari negavano di conoscere dove si trovasse, ma le attività di intercettazione e di pedinamento effettuate dai Carabinieri hanno dato l’esito sperato.
Sono giorni questi in cui ci si ritrova tutti, in famiglia, anche quelli che non vogliono farsi trovare. Così, proprio pedinando un familiare, i Carabinieri sono arrivati ad una comunità della Brianza dove poteva trovarsi il ricercato. Appena effettuate ulteriori verifiche, la matina del 30 dicembre è scattato il blitz. Richiedendo un colloquio alla stessa stregua di un visitatore, i militari hanno avuto accesso alla struttura e incontratolo, hanno informato F.P. del motivo della loro presenza: non una visita, bensì la notifica del provvedimento restrittivo.
Le attività di arresto sono poi proseguite presso il Comando Gruppo Carabinieri di Monza e presso quella Casa Circondariale dove i Carabinieri del NORM di Legnano hanno associato il condannato. E’ ancora al vaglio la posizione del familiare che, inconsapevole, ha condotto i militari al rifugio del ricercato. Si stanno cercando elementi che confermino la conoscenza dello stato di “ricercato” dell’arrestato.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings