Cerca
Close this search box.
venerdì, 21 Giugno 2024
venerdì, 21 Giugno 2024
Cerca
Close this search box.

Le vele dello Yacht Club Monaco diventano abiti d’alta moda a favore del Pianeta

Un bozzetto della nuova collezione (Foto da FB)

Che uno stile di vita sostenibile sarà il leit motiv del futuro ormai è assodato e, in tempi difficili come quello attuale, l’attenzione al recupero, al riciclo e al contenimento dello spreco sono basilari.

Anche la moda sembra fare la sua parte: sono sempre di più i marchi di abbigliamento sostenibile, di cui influencer e vip si stanno innamorando portandoli all’attenzione del grande pubblico, e l’Italia partecipa anche a questa nuova frontiera del fashion.

Di questo nuovo ruolo della moda, che potrebbe segnare un cambiamento epocale, ne è fortemente convinta Federica Nardoni Spinetta, fondatrice e presidentessa della Camera della Moda Monegasca, ligure di nascita, milanese d’adozione (città dov’è nata la sua passione per la moda e ha avuto luogo la sua formazione), cittadina di Monaco dove ha creato l’azienda “Beach & Cashmere Monaco“, che ha deciso di impiegare le vele usate e danneggiate dello Yacht Club locale per realizzare tessuti d’alta moda.

La prima collezione “Save the Ocean” fu creata per sensibilizzare l’opinione pubblica sullo stato di inquinamento degli oceani, realizzando le creazioni con materiali recuperati dal mare, come le reti da pesca. Al successo di questa prima collezione ne sono seguite altre, sempre impegnate nella battaglia sociale a favore del Pianeta come “Save the Reef”, dedicata al salvataggio delle barriere coralline, “Save the Nature”, a favore della fauna del pianeta e “No Waste”, realizzata interamente con scarti di lavorazioni tessili.

La nuova collezione ispirata al mare si intitola “Under Full Sails” e nasce da una collaborazione con “Classe Smeralda 888” dello Yacht Club di Monaco, la barca di 3 metri condotta dal Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, vincitrice di diversi campionati da cui sono stati ricavati i materiali.

L’azienda della Nardoni Spinetta, utilizzando vele che sarebbero state eliminate, ha realizzato capi di moda di elevata qualità e sostenibili, ognuno dei quali realizzato a mano e ispirato al mare anche nel nome come l’abito Mistral, la gonna Ponente, l’abito Tramontana, il top Libeccio e altri.

Tutti i tipi di vela sono stati sperimentati nella produzione, dalle vele colorate degli spinnaker alle vele tecniche, fino alle più comuni vele in teflon, stampate con grafiche o disegni.

Silvia Ramilli

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings