31.3 C
Comune di Legnano
mercoledì 12 Agosto 2020

Le ricette stampate in farmacia non si devono pagare

Ti potrebbe interessare

Manovre pericolose sul Sempione: in mattinata c’è mancato poco ad un altro scontro

Mentre si sta piangendo la morte di due ventenni, vittime di uno scontro sulla Strada Statale del Sempione, avvenuto lo scorso 2...

Guardia giurata tenuta in ostaggio nel Duomo di Milano: attimi di apprensione tra i turisti

E' accaduto oggi, mercoledì 12 agosto, attorno alle 13 in piazza Duomo a Milano: uno straniero che ha voluto eludere i controlli...

Nuove automobili per la Polizia locale di Busto Arsizio

Si rinnova in questi giorni il parco macchine della Polizia locale di Busto Arsizio: cinque nuove vetture saranno acquistate grazie agli eco...

Si è spento ieri a Verona il presidente dei pandori Bauli

Avrebbe compiuto 80 anni il prossimo 5 settembre, Alberto Bauli, presidente per 25 anni del noto gruppo industriale dolciario, fondato nel 1922...

“Niente è dovuto per le ricette stampate dalle farmacie comunali”: è quanto annunciato ieri, lunedì 11 maggio, da Agesp Attività Strumentali, la società che gestisce le farmacie comunali a Busto Arsizio, in seguito a delle segnalazioni pervenute da parte di alcuni clienti, circa la notizia che in alcune farmacie cittadine viene fatta pagare all’utenza l’eventuale stampa delle ricette. 

La società ritiene importante precisare che nelle quattro farmacie comunali niente è dovuto per questo servizio, proprio in virtù della mission, del valore sociale dello stesso.

Agesp conferma la sua presenza, soprattutto in questo difficile periodo sanitario, come punto di riferimento per la collettività: “Anche il mondo del terzo settore sta dando una grossa mano per questa pandemia ed il nostro aiuto a queste associazioni, dove possibile, è importantissimo in questo momento. Ci saranno sempre da parte della società particolari attenzioni a sostegno di queste realtà e a conferma della nostra vicinanza”, ha spiegato Alessandro Della Marra amministratore unico di AGESP Attività Strumentali.

In queste settimane la società ha rivolto particolare attenzione ai bambini, sull’uso delle mascherine, che è previsto a partire dai 6 anni e consigliato nella fascia di età dai 2 ai 6, ed ha donato 180 mascherine alle case famiglia presenti in città che ospitano bambini fino ai 10 anni. Con questo contributo AGESP intende supportare le suddette strutture nella loro attività quotidiana.

Articoli correlati

Nuova segnaletica all’ingresso dei parchi di Busto Arsizio

Si sta svolgendo in questi giorni a Busto Arsizio, la sostituzione dei vecchi cartelli all’ingresso dei parchi cittadini, con nuovi pannelli informativi,...

Arriva un nuovo macchinario per pulire nei cimiteri di Busto

E’ stato presentato questa mattina, martedì 28 luglio, al Cimitero Principale di Busto Arsizio, il progetto “AGESP ancora più green” e nell'occasione...

Lavori in corso a Busto Arsizio: arriva il teleriscaldamento ai Frati

In questi giorni gli addetti di AGESP sono al lavoro sul territorio comunale di Busto Arsizio: sono terminati infatti, giovedì 2 luglio,...

AGESP torna ai suoi clienti con il Point aperto da lunedì

Si ritorna alla quasi normalità: da lunedì 15 giugno lo sportello gas e luce “AGESP Point” di via Alberto da Giussano 8 a...

A Busto Arsizio riaprono in sicurezza le aree gioco nei parchi

Da lunedì 15 giugno i bambini potranno tornare a utilizzare scivoli e altalene nei parchi e nei giardini pubblici gestiti da Agesp,...