11.5 C
Comune di Legnano
venerdì 23 Aprile 2021

L’allarme lanciato dai centri estetici: se chiusi in zona rossa dilaga l’abusivismo

Ti potrebbe interessare

Buon compleanno Vespa! Oggi i 75 anni dello scooter più amato al mondo

Compie oggi, venerdì 23 aprile, i suoi 75 anni la Vespa, lo scooter della Piaggio che ne depositò il brevetto il 23 aprile del...

Fioccano nuove sentenze sulla vicenda di corruzione in Comune a Lonate Pozzolo

Sono state emesse ieri, giovedì 22 aprile, dal Tribunale di Busto Arsizio, nuove sentenze nell’ambito del processo per corruzione che ha interessato nel 2017...

Giornata mondiale del Libro: a Legnano volumi da prendere in giro per la città

Particolare iniziativa oggi, venerdì 23 aprile, “Giornata mondiale del Libro”: in vari punti della città si possono trovare e prendere dei libri, distribuiti dal...

La ProLoco di San Giorgio su Legnano propone la caccia ai dettagli della storia locale

Si svolgerà oggi, venerdì 23 aprile, dedicata soprattutto ai cittadini di San Giorgio su Legnano, una particolare iniziativa: “Caccia ai dettagli storici sangiorgesi”, organizzata...

I centri estetici chiusi nelle zone rosse, secondo le misure previste a livello nazionale per il contenimento dei contagi da Covid-19, denunciano, oltre alle loro difficoltà, la dilagante piaga dell’abusivismo. Numerosi soggetti, qualificati ma spesso no, stanno svolgendo le attività tipiche dei centri estetici a domicilio, o in sedi non idonee all’esercizio della professione.

E la domanda è: perché i centri estetici sono chiusi, e non lo sono i parrucchieri e i barbieri? La CNA, Confederazione nazionale Artigianato, che sostiene i centri estetici, denuncia in queste ore la disparità di trattamento e, soprattutto, il dilagare dell’abusivismo professionale.

“Secondo i provvedimenti validi delle zone d’Italia rosse, nei centri estetici il contagio da Coronavirus è un rischio certo, e comunque più elevato che altrove. Risultato: prolifera il lavoro abusivo, che spesso viene effettuato direttamente a casa del cliente (o dell’estetista). A distanza di dieci mesi dal primo lockdown ancora non si è in grado di mettere in discussione una scelta politica che in quest’ultimo periodo appare quanto più inadatta a perseguire lo scopo che si prefigge: il contenimento del virus. La smisurata diffusione del lavoro abusivo è la tragica conseguenza della chiusura dei centri estetici, i cui titolari hanno investito migliaia di euro per garantire la massima sicurezza del cliente”, ha commentato Brigida Stomaci, presidente di Unione Benessere e Sanità di CNA Lombardia.

I titolari dei centri estetici alle riaperture si sono dotati, nei mesi scorsi, di tutti i dispositivi atti a garantire sicurezza, adesso attendono che il Governo si ricordi anche di loro e gli permetta di riaprire, nel rispetto delle regole.

Articoli correlati

Milano deserta a Pasqua: rispettate le restrizioni della zona rossa per il secondo anno

Sono state rispettate pienamente ieri domenica 4 aprile, giorno di Pasqua, le limitazioni imposte dalla pandemia, con Milano e la Lombardia per il secondo...

La Lombardia rimane in zona rossa fino a Pasqua

“Siamo in zona rossa fino a Pasqua, in questo momento abbiamo una stabilità dell’Rt e non abbiamo elementi per poter dire che torniamo indietro”. Lo...

Lombardia in zona rossa: ma il Pirellone non ci sta e lunedì presenterà un ricorso

Sarà presentato domani mattina, lunedì 18 gennaio, il ricorso annunciato dal presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, alla decisione del ministro della Salute Roberto...

La Lombardia rischia di nuovo la zona rossa. Grande attesa per il nuovo DPCM

Il nuovo DPCM che entrerà in vigore il prossimo 18 gennaio, lunedì, potrebbe colorare nuovamente di rosso la Lombardia. Lo ha annunciato nelle scorse ore...

Italia “in rosso” a Natale ma non è il colore delle feste

Scattano da oggi, sabato 19 dicembre, le nuove restrizioni anti Covid: è stato approvato nella serata di ieri, venerdì 18 dicembre, il nuovo decreto...