La politica dalla parte del cittadino

Screenshot_20180207 224417
Pietro Zappamiglio, detto Zappa

E’ di questi giorni l’annuncio della candidatura di Pietro Zappamiglio, detto Zappa, attuale sindaco di Gorla Maggiore, alle elezioni regionali del 4 marzo.

Zappa, classe 1977, ha intrapreso così la sua campagna elettorale, muovendosi sul territorio per incontrare i cittadini, le associazioni, le realtà produttive, portando un messaggio, in particolare: che la politica sia strumento che ascolta e risolve le necessità dei cittadini.

Il pensiero di Zappa, che invita ad indicare il suo nome sulla scheda elettorale a fianco al simbolo della lista “FI Berlusconi per Fontana”, parte da alcune considerazioni rese possibili dalla propria esperienza maturata in ambito amministrativo locale.

“Le Amministrazioni locali ascoltano i cittadini e i loro problemi. Come sindaco lo faccio ogni giorno, al bar, nelle strade, in piazza, a scuola dove porto le mie figlie. In questa tornata elettorale non serve fare promesse ma lavorare vicino alla gente, perché così deve essere la politica: non lontana dalla realtà e dalle esigenze”, spiega Zappa.

Dai Comuni più piccoli possono, secondo il candidato, essere sollevate questioni davvero importanti, temi caldi cui si devono porre soluzioni concrete, come concreto deve essere il rapporto con chi è amministrato.

Due in punti fermi della campagna di Zappa: il tema della semplificazione della burocrazia, per rendere agevole lo sviluppo, quindi la sicurezza, dei paesi e delle città.

Tra gli altri punti “a cuore” del sindaco in corsa per le regionali: il territorio, la famiglia, la scuola, i giovani, il lavoro, la trasparenza.

print