giovedì, 20 Gennaio 2022

La movida non può essere militarizzata: sì all’attività di sensibilizzazione anti Covid-19

Le preoccupazioni sono tante e sono state espresse, nelle scorse ore, nel corso di un incontro con i sindaci delle grandi città e il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese.

Dai Comuni è stato ammesso di non possedere mezzi adeguati, anche in termini di uomini e mezzi di Polizia locale, per far fronte ai cittadini, soprattutto i più giovani, che hanno deciso di uscire dal lockdown festeggiando in strada e fuori dai locali, spesso incuranti delle limitazioni ancora imposte per scongiurare la diffusione del Coronavirus.

Secondo il ministro non serve “militarizzare” la movida serale, aggiungendo Forze dell’ordine a controllarla, ma piuttosto è necessario investire in campagne di sensibilizzazione per far comprendere quali sono ancora i veri rischi, dopo l’emergenza sanitaria dei mesi scorsi.

Più sindaci chiedono più agenti di Polizia per le strade, più controlli serali, più sanzioni, e non si esclude che a breve saranno messe in campo sinergie tra forze locali e centrali, per garantire il presidio dei centri urbani.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI