domenica, 25 Febbraio 2024

La Lombardia chiede lo stato di emergenza per sei province colpite dal maltempo

(Foto ANSA)

Regione Lombardia ha deciso nelle scorse ore di chiedere lo stato di emergenza per le province di Como, Varese, Lecco, Sondrio, Cremona e Mantova, dopo la particolare ondata di maltempo che ha causato danni ingenti in tali aree.

Lo ha annunciato il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante un sopralluogo effettuato ieri, mercoledì 28 luglio, nei territori del Lago di Como colpiti duramente in questi giorni da piogge, grandinate, allagamenti e frane.

Fontana ha visitato Blevio, quindi Cernobbio, dove una trentina di persone sono state evacuate dalle proprie abitazioni. Fontana ha inteso verificare personalmente i danni provocati dall’ondata di maltempo che ha devastato anche ampie zone del Varesotto. Da questo scenario la necessità di chiedere allo Stato il riconoscimento dell’emergenza.

“Era doveroso esprimere di persona la vicinanza della Regione a tutta la popolazione, che soprattutto in queste zone ha subìto ingenti danni. Desidero ringraziare i Vigili del Fuoco e le Forze dell’ordine, e le Polizie locali. E, soprattutto, i volontari della Protezione civile che non solo qui, ma in ogni zona della Lombardia flagellata dal maltempo, non si sono risparmiati un attimo per sostenere chi era in difficoltà. A tal proposito mi piace evidenziare come, guardandomi intorno, ho potuto constatare, ancora una volta, come anche i semplici cittadini, dal barista al pensionato, dallo studente al negoziante, siano scesi per strada con una pala o altri strumenti per ripulire e sistemare le strade”, ha commentato Fontana, che ha assicurato il pronto coinvolgimento della Regione per attivare le procedure necessarie per il ritorno alla normalità.

I fiumi e i torrenti hanno portato a valle grandi masse di detriti che hanno ostruito i canali di scarico delle acque, che hanno invaso le strade ed allagato case e scantinati. Il forte vento e la grandine hanno piegato alberi e danneggiato le coltivazioni.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI