giovedì, 20 Gennaio 2022

La Guardia di finanza di Milano sequestra prodotti per le feste non sicuri e contraffatti

Nell’ambito dei controlli diretti a contrastare ogni forma di illegalità e quindi anche l’illecita immissione in commercio di prodotti non sicuri, i militari della Guardia di Finanza hanno operato nelle scorse ore diversi sequestri, mirati a togliere dal mercato le merci che possono risultare pericolose per la salute dei consumatori, o contraffatte.

In particolare, le Fiamme gialle di Milano hanno ispezionato numerosi esercizi commerciali sul territorio del capoluogo, ed anche in provincia. E nel corso di tali attività sono stati sequestrati complessivamente circa 760mila prodotti di varia natura, molti dei quali esposti sugli scaffali e quindi già immessi in commercio. Fra la merce sequestrata, ben 49mila luminarie per addobbi natalizi, anche ad uso esterno, privi della marcatura “CE”, vale a dire falsamente presentate come adeguate rispetto alla disciplina di compatibilità elettromagnetica e di bassa tensione. In alcuni casi, invece, il marchio “CE” è stato apposto su merce per la quale la normativa di settore non lo prevede, ciò per invogliare l’acquisto da parte dei consumatori, traendo in inganno circa la qualità e genuinità dei prodotti.

In tutto sono stati denunciati sette esercenti interessati dai controlli, per “vendita di prodotti industriali con segni mendaci” e per “introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi”. È stata poi comminata la sanzione amministrativa pecuniaria per violazione del codice del consumo nei confronti di sette persone.

Come si legge in una nota diffusa dalla GdF, contrastare la diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza significa contribuire a garantire una protezione efficace dei consumatori e un mercato competitivo ove gli operatori economici onesti possano beneficare di condizioni eque di concorrenza.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI