giovedì, 23 Maggio 2024

La dispersione scolastica argomento di un accordo firmato per contrastarla a Legnano

(Foto da web - La guida)

Un accordo territoriale per contrastare la dispersione scolastica e favorire il benessere delle giovani generazioni è stato siglato nei giorni scorsi tra l’Amministrazione comunale di Legnano e tutti gli istituti statali cittadini, attuabile grazie alle risorse del PNRR ottenute dagli istituti Bernocchi, Dell’Acqua e comprensivo di via dei Salici. I tre istituti, nei mesi scorsi, sono risultati infatti beneficiari di un finanziamento complessivo di oltre 552mila euro ottenuti a seguito della presentazione di progetti specifici a valere sul PNRR e relativi alla misura di contrasto alla dispersione scolastica.

Gli istituti, d’intesa con l’Amministrazione comunale, hanno deciso di mettere a sistema le risorse coinvolgendo, per l’attuazione dei progetti, le altre scuole operanti in città nella consapevolezza che, in una logica di rete, si possa affrontare meglio e più efficacemente un fenomeno che è dell’intero territorio.

La nostra amministrazione ha intercettato molte risorse PNRR per i lavori strutturali di riqualificazione ed efficientamento energetico degli istituti, ma questo rappresenta soltanto una parte del nostro impegno, perché occuparsi di chi vive quotidianamente la scuola significa anche affrontare e contrastare fenomeni critici, come l’insuccesso scolastico che sfocia nella dispersione di ragazzi che abbandonano gli studi e non si collocano nel mondo del lavoro. Su questo obiettivo da quasi dieci anni è attiva in città la Rete ReLè per il successo formativo degli adolescenti; l’accordo siglato integra l’iniziativa esistente portando a condividere con tutte le scuole della città, in un’ottica di sistema, le risorse ottenute da tre istituti. A loro rivolgo il mio grazie per la disponibilità dimostrata e un buon lavoro per l’impegno che ci attende”, spiega Ilaria Maffei, assessore alla Comunità inclusiva.

Il nostro lavoro per prevenire e contrastare la dispersione agirà su due fronti: quello scolastico e quello familiare. Nei confronti dei ragazzi a scuola attiveremo, come da indicazioni ministeriali, percorsi individuali e di gruppo per migliorare la consapevolezza nei propri mezzi e le competenze necessarie per affrontare il percorso di studi. Con le famiglie lavoreremo sull’orientamento; non perché questo manchi a livello di secondaria di primo grado, ma per provare a eliminare la discrepanza, che spesso esiste, fra quello che un genitore crede si faccia in una scuola superiore e quello che realmente si fa. Queste criticità nell’orientamento, unite agli effetti del periodo pandemico, che si manifestano in una crescente fragilità dei giovani, concorrono ad aumentare il rischio della dispersione scolastica: da qui l’esigenza di una risposta che sia il più possibile di rete”, il commento delle tre scuole coinvolte nel progetto.

Più precisamente, come spiegato dal Comune, quattro saranno le tipologie di azioni che saranno attuate in base all’accordo: mentoring e orientamento individuale per i soggetti più fragili e bisognosi di acquisire più consapevolezza e determinazione nell’affrontare il percorso scolastico. Questa azione affianca e potenzia il servizio svolto dallo sportello psicologico. Potenziamento delle competenze di base nelle discipline Invalsi per gruppi di minimo tre persone. Questa azione punta a dare agli studenti basi più solide nelle materie fondamentali attraverso una modalità di insegnamento più personalizzata. Percorsi laboratoriali di gruppo per stimolare le competenze e invogliare allo studio delle diverse materie. Questa azione promuove una modalità di apprendimento più attiva e partecipata di quella frontale tradizionale; interventi di orientamento e informazione rivolti alle famiglie per fornire loro più elementi di conoscenza utili sugli indirizzi di studio superiori per orientare meglio le scelte scolastiche dei figli.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI