martedì, 25 Gennaio 2022

La Coldiretti Lombardia plaude alla task force regionale contro la peste suina

“Di fronte alla moltiplicazione ormai fuori controllo dei cinghiali, la prevenzione è fondamentale per evitare gravi emergenze sanitarie come quella che siamo ora costretti ad affrontare dopo il rinvenimento di alcune carcasse di cinghiale tra Piemonte e Liguria, vettori di Peste Suina Africana”. È quanto afferma la Coldiretti Lombardia nel commentare positivamente l’annuncio dell’assessore regionale Fabio Rolfi sull’istituzione di un’unità di crisi promossa da Regione Lombardia coordinata dalla U.O. Veterinaria (DG Welfare) e composta da rappresentanti della DG Agricoltura, della DG Protezione civile, dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia-Romagna, dei Dipartimenti Veterinari delle Ats, della Polizia provinciale e dei Carabinieri forestali, come si legge in una nota.

“Abbiamo più volte evidenziato a livello nazionale e territoriale il rischio della diffusione della Peste Suina Africana (Psa) attraverso i cinghiali, e la necessità della loro riduzione sia numerica che spaziale attraverso le attività venatorie, le azioni di controllo della legge 157/92 articolo 19 e le azioni programmabili nella rete delle aree protette. La Peste Suina Africana può colpire cinghiali e maiali, ed è altamente contagiosa e spesso letale per questi animali. Fortunatamente non è trasmissibile agli esseri umani”.

Nei giorni scorsi proprio Coldiretti aveva incoraggiato Rolfi a prendere provvedimenti contro il diffondersi della peste suina. Sarà necessario anche intensificare il controllo delle aree di frontiera naturali del Paese, da dove transitano spesso i cinghiali.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI