18 C
Comune di Legnano
martedì 22 Settembre 2020

La città di Como attonita e distrutta per l’omicidio di don Roberto Malgesini

Ti potrebbe interessare

Calano le tariffe delle assicurazioni sulle auto: effetto del Covid-19

I dati parlano chiaro, quelli diffusi in un recente bollettino dell'IVASS, l'Istituto per la Vigilanza sulle assicurazioni: le RC Auto costano meno,...

Domenica torna il mercatino di Azzate

Riparte domenica 27 settembre il tradizionale mercatino di Azzate, anzi, la Mostra dell’Üsaa, organizzata dalla Pro Loco ogni ultima domenica del mese.

100mila euro per le imprese per l’economia territoriale di Busto Arsizio

La giunta comunale di Busto Arsizio ha approvato nelle scorse ore il “bando nel bando”, con cui si metteranno a disposizione delle...

Canegrate saluta Cinemadamare

I commenti di chi c'era si radunano in un unico grande plauso alla manifestazione “Cinemadamare”, che si è conclusa domenica sera, a...

Potrebbe persino avergli sorriso e parlato, prima di riceve da lui alcune coltellate mortali. E’ morto così questa mattina, martedì 15 settembre, davanti alla chiesa di San Rocco a Como, don Roberto Malgesini colpito a morte da un tunisino di 47 anni, che lo stesso sacerdote aveva più volte aiutato, fornendogli tutela legale.

Il senza fissa dimora lo ha atteso ed inspiegabilmente lo ha aggredito con un coltello, non lasciandogli scampo.

Don Roberto, 51anni, è morto sul colpo. Immediata la reazione di tutta la parrocchia di San Rocco, ma non soltanto: numerosi amici, conoscenti, collaboratori di don Roberto si sono radunati subito sul sagrato della chiesa, mentre l’extra comunitario, con problemi psichici, si è costituito per quanto commesso. Lo stesso era stato colpito ad aprile da un decreto di rimpatrio, non ottemperato per la mancanza, in quel periodo, causa Covid, di voli verso la Tunisia.

Don Roberto era “un prete in strada”, come dicono in tanti, che si occupava delle persone più bisognose, come migranti, prostitute, senza tetto, lavorando instancabilmente con loro alla Caritas, nei dormitori, nelle mense. Probabilmente ben consapevole dei rischi personali che correva, don Roberto lascia una comunità distrutta, che lo ricorda oggi come il suo “santo della porta accanto”.

Articoli correlati

VA/CO/LC – Auto usate con contakilometri taroccati: stroncato giro d’affari milionario

Come riporta l'ANSA Lombardia, un sodalizio criminale, per 'ringiovanire' auto usate in vendita in alcune concessionarie truccava i contakilometri, ottenendo un aumento del valore...