mercoledì, 22 Maggio 2024

In partenza i lavori in piazza del Popolo a Legnano: operazione riqualificazione

(Foto da FB)

Avranno inizio mercoledì 1 febbraio i lavori di riqualificazione di piazza del Popolo a Legnano, dedicati alla valorizzazione della rete verde e del commercio.

Come spiegato dal Comune in una nota, la prima parte della piazza interessata dall’intervento è il lato sud, nello specifico il tratto compreso fra i passi carrai dei civici 5 e 7, dove l’area pedonale sarà ampliata e pavimentata in continuità con la Ztl di via Venegoni.
All’vvio del cantiere, che dovrebbe durare circa quattro settimane, i veicoli che dovranno accedere alla ZTL di via Venegoni dovranno passare da via Gaeta, che sarà percorribile in entrambe le direzioni, mentre i residenti dei civici 5 e 7 dovranno, per tutta la durata dei lavori, posteggiare i propri mezzi in via Toti o nel parcheggio tra le vie Pastrengo e Rossini. Il passaggio dei pedoni nell’area dei lavori sarà comunque sempre garantito.

Terminata la sistemazione di questa parte di piazza il cantiere si sposterà, sempre sul lato sud, in direzione via Liberazione. Per la sistemazione del lato sud della piazza la durata dei lavori si stima, complessivamente, in una decina di settimane.
“Dopo esserci coordinati con Cap Holding per i lavori di potenziamento della rete fognaria nel primo tratto di via Colombo, possiamo cominciare la riqualificazione di piazza del Popolo. Siamo perfettamente consapevoli che questo, così come altri cantieri, crei disagi. Chiediamo ai cittadini di avere pazienza in vista di un nuovo e migliore assetto di questo spazio urbano che vogliamo valorizzare nell’interesse di tutti”, spiega Marco Bianchi, assessore alle Opere pubbliche.

Il cronoprogramma dell’intervento di riqualificazione di piazza del Popolo, che dopo il lato sud interesserà il marciapiede sul lato nord e, da ultimo, l’area all’intersezione con le vie Colombo e Montanara, prevede quarantaquattro settimane di lavori; l’importo dell’intervento è di 600mila euro, di cui 500mila euro da finanziamento regionale.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI