venerdì, 21 Gennaio 2022

Il tessile del Varesotto si riconverte per produrre mascherine

Ha iniziato qualcuno per prova, altri lo hanno seguito e adesso sono diverse le aziende tessili della provincia di Varese che, in queste settimane, hanno riconvertito la loro produzione in quella di mascherine protettive, per contrastare l’epidemia da Covid-19.

Succede a Cardano al Campo, a Ferno, a Sesto Calende e a Casorate Sempione, dove rispettivamente le ditte Confezioni Damap, la ITC e la New CI, il Maglificio Lisanzese e il Ricamificio Amalfi stanno producendo mascherine utilizzando principalmente cotone al 100%, impermeabilizzato e lavabile a 60 gradi.

Ogni mascherina è confezionata singolarmente, e la distribuzione sta avvenendo con il supporto dei Comuni e di associazioni di volontariato locali.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI