domenica, 14 Agosto 2022

Il tessile del Varesotto si riconverte per produrre mascherine

Ha iniziato qualcuno per prova, altri lo hanno seguito e adesso sono diverse le aziende tessili della provincia di Varese che, in queste settimane, hanno riconvertito la loro produzione in quella di mascherine protettive, per contrastare l’epidemia da Covid-19.

Succede a Cardano al Campo, a Ferno, a Sesto Calende e a Casorate Sempione, dove rispettivamente le ditte Confezioni Damap, la ITC e la New CI, il Maglificio Lisanzese e il Ricamificio Amalfi stanno producendo mascherine utilizzando principalmente cotone al 100%, impermeabilizzato e lavabile a 60 gradi.

Ogni mascherina è confezionata singolarmente, e la distribuzione sta avvenendo con il supporto dei Comuni e di associazioni di volontariato locali.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI