sabato, 25 Giugno 2022

Il sindaco di Rho riceve la neo Console Onoraria della Repubblica del Camerum

Il Console Esther Edwige Nkolo Lekoua posa tra il maresciallo Luigi Pino e il sindaco Pietro Romano

E’ accaduto questa mattina, lunedì 14 novembre: il sindaco di Rho Pietro Romano ha accolto Esther Edwige Nkolo Lekoua, cittadina rhodense, che il 2 dicembre riceverà l’investitura ufficiale di Console Onorario in occasione dell’inaugurazione del Consolato della Repubblica del Camerum a Milano. Nell’ufficio del sindaco hanno presenziato all’incontro anche  il maresciallo Luigi Pino della compagnia dei Carabinieri di Rho e gli assessori Valentina Giro e Nicola Violante.

“Esther Edwige Nkolo Lekoua è nata in Camerum, ma vive in Italia da diciotto anni, dove ha completato i suoi studi laureandosi in Scienze della comunicazione e della conoscenza. Da anni collabora con il suo paese per lo sviluppo dei rapporti commerciali e culturali, organizzando e coordinando incontri con gli operatori economici italiani e camerunesi. Come afferma la neo Console Onoraria, il Camerum è un paese in crescita grazie alla stabilità politica e a un clima culturale e religioso, che permette la convivenza pacifica. Particolare attenzione è rivolta alla formazione dei giovani, che spesso compiono studi universitari in Italia (circa 300 ragazzi) e che ritornano nel Paese d’origine. Il turismo è un altro ambito in crescita  grazie alle sue potenzialità e alla sicurezza del Camerum”, come si legge in una nota.

“Esprimo il mio orgoglio nel sapere che una cittadina rhodense è diventata Console Onorario del Camerum, un Paese affascinante per le sue tradizioni e molteplici culture. Sono convinto che non mancheranno le occasioni per collaborare insieme, seguendo così il lascito di Expo 2015 che ci ha permesso di riscoprire antiche tradizioni e di conoscere culture e Paesi lontani”, ha detto il sindaco Romano.

La visita del console onorario è terminata con la consegna di una stampa della città di Rho e la firma sul Libro degli Ospiti.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI