mercoledì, 29 Giugno 2022

Il reparto potrebbe riaprire se si trovano i pediatri

L’assessore Giulio Gallera (Foto da FB)

Sembrano essere due le motivazioni alla base della chiusura del punto nascite di Angera, per cui numerosi cittadini, associazioni e sindaci dei Comuni limitrofi stanno protestando da diverse settimane: la mancanza di pediatri che accettino la rotazione e il numero dei parti al di sotto dei 500 l’anno, con una deroga al dato che non è stata accolta, almeno per il momento.

Le ragioni della chiusura del reparto di neonatologia sono arrivate oggi, mercoledì 21 dicembre, illustrate dall’assessore al Welfare regionale Giulio Gallera, che ha incontrato  i primi cittadini di Angera, Luino, Tradate e Cittiglio, per chiarire i motivi delle scelte attuate recentemente in alcuni nosocomi del Varesotto, come quello di Angera.

Sussistono dei vincoli, come spiegato dall’assessore, come quello all’assunzione del personale con una riduzione dell’1,4% dei costi totali, e il numero di parti, che alla fine del mese scorso è stato ad Angera soltanto di 350.

Venerdì 23 dicembre Gallera sarà ricevuto dal Ministro della Salute, per verificare insieme le possibili soluzioni alla chiusura dell’ospedale. Non resta che attendere l’esito di questo incontro.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI