lunedì, 27 Maggio 2024

Il mondo del calcio piange Sinisa Mihajlovic

(Foto ANSA)

Sinisa Mihajlovic ha perso ieri pomeriggio, venerdì 16 dicembre, la sua ultima partita, quella più difficile: quella contro la malattia che lo aveva colpito nel 2019 e contro la quale stava lottando da quattro lunghi anni.
Ad annunciarlo all’ANSA, con un breve comunicato, la moglie Arianna Rapaccioni che ha sottolineato come il tecnico ed ex calciatore serbo si sia spento circondato dall’affetto dei suoi cari, lei, i figli ed anche due nipotini, perchè Sinisa era già nonno. A fasi alterne si era ripreso, poi a marzo scorso di nuovo un crollo. E domenica scorsa il ricovero nella clinica dove si è spento ieri.

Nato a Vukovar nel 1959, nella ex Jugoslavia, dopo aver macinato successi con la Stella Rossa, nel 1992 arriva in Italia dove gioca nella Roma, nella Sampdoria e nella Lazio prima di approdare all’Inter dal 2004 al 2008, dove è stato per i primi due anni giocatore, ed in seguito vice del tecnico Roberto Mancini, al quale era legato da una profonda amicizia.
Nel 2015 allenò il Milan sostituendo Filippo Inzaghi alla guida dei rossoneri.

Numerosissimi i messaggi di cordoglio che stanno arrivando alla sua famiglia e ai suoi amici. Mihajlovic non ha mai nascosto la sua malattia, una grave forma di leucemia, anzi, si è speso molto per incoraggiare alle donazioni di midollo e di organi, per diffondere messaggi di solidarietà.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI