mercoledì, 29 Maggio 2024

Il Garante della Privacy contro il telemarketing selvaggio: confiscate banche dati ad agenzie di call center

(Foto di Gundula Vogel - Pixabay)

E’ entrata nel vivo nelle scorse ore una nuova operazione, condotta in Toscana e in provincia di Verona, da parte del Garante per la Privacy per il contrasto al cosiddetto telemarketing selvaggio. Così la Guardia di finanza per la prima volta ha confiscato le banche dati di numerose società di call center, là dove si sono svolte attività di promozione telefonica non autorizzate. Tali agenzie sono state bloccate ed anche multate.

I call center operavano proponendo offerte commerciali in particolare di compagnie energetiche, senza il consenso dei soggetti contattati, girando poi i loro riferimenti alle aziende interessate, dietro provvigione.

Le indagini e i dovuti accertamenti sono partiti da una segnalazione della Compagnia della Guardia di Finanza di Soave, in provincia di Verona, che ha permesso di individuare le quattro società coinvolte nell’illecito, secondo quanto accertato in seguito dai controlli svolti dal Garante con il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche.

Adesso le associazioni dei consumatori chiedono il risarcimento agli utenti, e nuove misure per il contrasto di queste situazioni. “Per questi call center va disposta la sospensione dell’attività e, in caso di recidiva, la revoca dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività, altrimenti non se ne esce”, il commento di Massimiliano Dona, presidente dell’UNC, l’Unione Nazionale Consumatori.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI