Il coraggio di chiudere anche a Parabiago

L’interesse per la salute deve prevale sugli interessi economici. Con una lettera aperta indirizzata agli imprenditori di Parabiago, il sindaco Raffaele Cucchi ha esortato nelle scorse ore alle scelte responsabili, per il bene della comunità.

In riferimento al decreto Conte, che chiude le attività non indispensabili, “comprendo che certe scelte non siano facili, ma penso che gli aspetti economici possano essere affrontati in un secondo momento, tutti insieme, per garantire che il nostro tessuto economico e sociale non sia spazzato via da questa grave crisi sanitaria”.

Un appello a chi non chiuderà la propria impresa: “Qualora ritenessi con buon senso che la tua attività, pur non essendo classificata come primaria, sia da mantenere operativa per svariate motivazioni, in qualità di autorità sanitaria locale ti invito ad adottare tutte le misure di tutela della salute dei lavoratori previste nel DPCM 11/03/20. Metti in campo le migliori precauzioni e strumenti di prevenzione possibili per tutelare i tuoi collaboratori. Sappiamo tutti che ci sono grandi difficoltà a reperire il materiale di prevenzione: mascherine, occhiali e guanti, che non sempre sia possibile stare a un metro di distanza. Se si è sprovvisti di questi DPI dovresti avere il coraggio di chiudere. Gli operai, gli impiegati, tutta la forza lavorativa sono una risorsa indispensabile per la nostra comunità”.

print