lunedì, 17 Giugno 2024

Il clima pazzo taglia i raccolti di primavera e mette in crisi le api

(Foto di PollyDot -Pixabay)

Il clima pazzo con sbalzi improvvisi dalla siccità ai nubifragi e dal caldo al freddo, senza dimenticare le gelate tardive, sta compromettendo le raccolte di mieli primaverili in Lombardia dove si contano circa 160 mila alveari, secondo i dati dell’anagrafe zootecnica. È quanto ha affermato la Coldiretti regionale da un primo monitoraggio sul territorio in occasione della Giornata mondiale delle Api celebrata ieri, sabato 20 maggio. 

In provincia di Cremona tarassaco e ciliegio, tipici della primavera, hanno avuto fioriture ridotte a causa di temperature basse, vento e siccità, mentre nel Mantovano la raccolta del miele di acacia è stata ostacolata dalle piogge abbondanti delle ultime settimane. Tra Como e Varese la grandine che ha colpito l’areale alpino ha aggravato la raccolta dell’acacia resa difficile già dalle piogge. Situazione analoga in Brianza dove, oltre alle precipitazioni, sulle fioriture di acacia hanno inciso negativamente anche le basse temperature delle ultime settimane. Piogge e freddo stanno tagliando i raccolti di miele primaverile anche in provincia di Milano e Bergamo. In provincia di Brescia la siccità prima e le piogge poi, arrivate nel momento della fioritura, hanno ridotto la raccolta di mieli di tarassaco, millefiori primaverile e acacia. Gli apicoltori confidano che il meteo possa stabilizzarsi in tempo per le prossime fioriture, a cominciare da quelle di tiglio e castagno”, si legge in una nota della Coldiretti Lombardia.

La crisi del miele si era già avvertita lo scorso anno in Italia, quando il Paese ha detto addio a quasi 1 vasetto di miele su 4 (23%) rispetto a poco più di un decennio fa. Il calo delle produzioni ha lasciato spazio alle importazioni dall’estero che a livello nazionale nel 2022 sono cresciute del +12%, provenienti anche da Paesi che non sempre brillano per trasparenza e sicurezza alimentare.  

Uno scenario preoccupante in cui l’Italia ha importato dall’estero oltre 26,5 milioni di chili di miele nel 2022, con gli arrivi dalla Turchia cresciuti del +146%, dalla Cina del +66%, dalla Romania del +134% e dall’Ucraina del +83%. Per questo i giovani della Coldiretti si sono mobilitati da Nord a Sud della Penisola con la campagna “God save the bees – Meno api meno futuro”, a sostegno del #mieleitaliano sensibilizzando personaggi della politica, della cultura, dello sport e delle spettacolo.” 

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings