domenica, 14 Agosto 2022

Il Centro Antiviolenza racconta di un fenomeno che non si arresta

(Foto da web)

In ambito nazionale e regionale il fenomeno della violenza sulle donne è in continua crescita, ma sempre più donne trovano la forza di denunciare le violenze e i maltrattamenti che subiscono. Lo spiegano i referenti del Centro Antiviolenza che opera nell’ambito della Rete Ticino Olona, in cui sono coinvolti 51 Comuni dei distretti del Magentino, Abbiatense, Legnanese e Castanese, di cui è capofila il Comune di Cerro Maggiore. 

I dati relativi agli anni appena trascorsi confermano l’incremento delle richieste di aiuto: nel 2018, 49.394 donne si sono rivolte ai 302 centri antiviolenza, con un aumento del 13.6% rispetto al 2017, mentre nel rapporto della Polizia di Stato “Questo non è amore”, si legge: “È evidente come nel tempo le vittime di sesso femminile risultino in aumento, passando dal 68% circa del 2016 al 71% del 2019. La lettura di questo dato ha anche un risvolto positivo: una maggiore coscienza dei delitti subiti, una rinnovata propensione e fiducia nel denunciare quanto accaduto: è aumentato il numero di vittime che considerano gli atti violenti un reato”. E anche in Lombardia si è assistito negli anni ad un costante incremento di richieste d’aiuto: 16.512 donne nel 2019 si sono rivolte ad uno dei 51 centri antiviolenza lombardi (oltre 5.000 donne in più rispetto all’anno 2017).

Dal 2015, anno in cui Filo Rosa Auser ha iniziato l’attività a Legnano,  a oggi ha dato supporto a più di 500 donne e, in linea con i dati nazionali e regionali,  ha visto di anno in anno aumentare il numero di richieste d’aiuto.

Nel corso del 2019 e dei primi nove mesi ( gennaio-settembre) del 2020, il Centro è stato contattato da circa 300 donne. Tra loro,  il 60%  è  stato “preso in carico” per iniziare  un percorso di uscita dalla violenza, mentre il restante 40% non ha dato seguito al primo contatto telefonico.

Le donne prese in carico sono prevalentemente italiane  (67%), seguite dalle latino americane (13%). In numero minore sono le europee (comunitaria ed extra) africane e asiatiche. La loro residenza è ubicata nei Comuni del Legnanese (65%), e in particolare nel Comune di Legnano (41%).  Il restante 35% risiede nei territori del Castanese, con maggiore intensità nel Comune di Castano Primo (13%).

Il Centro si trova in via XX Settembre 30 a Cerro Maggiore, ed è aperto martedì, giovedì e sabato dalle 10 alle 13, mercoledì e venerdì dalle 16 alle 19. Il numero di telefono è 348/3212482.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI