sabato, 2 Marzo 2024

“Il barone rampante”: scelta di libertà

(Foto ed. Mondadori)

Dopo aver commentato “Il visconte dimezzato” e “Il cavaliere inesistente” di Italo Calvino, considerato uno tra i maggiori scrittori del Novecento, di certo il più famoso, per poi finire a rappresentare lo scrittore italiano per antonomasia, ecco il romanzo “Il barone rampante”, che fa parte della trilogia araldica dello stesso autore. Il romanzo è stato pubblicato nel 1957, e racconta la vita straordinaria di un bambino, Cosimo Piovasco, che rinuncia alla normalità e sceglie di essere pienamente libero.

Cosimo, rampollo di una famiglia nobile ligure, a seguito di un litigio con i genitori sale su un albero in giardino per non scendervi più per il resto della vita. Ben presto dimostra che questo non è un capriccio, spostandosi solo attraverso boschi e foreste costruendosi ogni giorno una dimensione quotidiana.
Conosce Viola, di cui s’innamora, ma lei parte per il collegio e i due non si rivedranno più per vari anni, trova un fedele amico nel cane Ottimo Massimo, che si scopre essere appartenuto a Viola. Il suo stile di vita, lo porta a conoscere i ragazzini popolani, diventa amico del bandito Gian de Brughi. Si dedica allo studio della filosofia, conoscendo per lettera Voltaire.

Sventa un attacco dei pirati, aiuta degli esuli nobili spagnoli, organizzagli abitanti in gruppi contro gli incendi nei boschi. Il ritorno di Viola dal collegio fa avere a Cosimo una gioia immensa ma solo temporanea a causa delle gelosie e l’amata poi sposerà un nobile inglese. Poi arrivano la Rivoluzione Francese e Napoleone.

Il romanzo si chiude con un vero colpo da maestro: Cosimo, anziano e provato, non si arrende e non scende a terra, rispettando fino in fondo la sua promessa. Al passaggio di una mongolfiera, si aggrappa a una cima penzolante e scompare per sempre.

Questa lettura è consigliata perché invita a scuotersi dallo stato di “morti viventi”, perché ricorda che l’uomo non controlla tutta la sua vita, perché ricorda che la vita è ricerca del senso, ed offre nuove visuali su tutto.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI