27 C
Comune di Legnano
martedì 4 Agosto 2020

I pendolari rispondono a Trenord: “Le scuse non bastano. C’è ancora molto da fare”

Ti potrebbe interessare

Una paulownia per le vittime di Hiroshima e Nagasaki

Si svolgerà giovedì 6 agosto al Tempio Civico di Busto Arsizio, la consueta cerimonia per ricordare le vittime delle bombe atomiche esplose...

Buona la prima del Grande Trittico: ma sarà l’unica?

Dopo i festeggiamenti che hanno accompagnato ieri, lunedì 3 agosto, la chiusura del Grande Trittico Lombardo, la corsa ciclistica che ha radunato...

Arrestato a Fagnano Olona uno spacciatore pregiudicato

E’ successo nelle scorse ore: i Carabinieri di Fagnano Olona hanno arrestato un uomo di 45 anni, disoccupato, censurato, pluripregiudicato per reati...

A San Vittore Olona la fiera aspetta anche gli hobbisti

Si svolgerà il prossimo 14 settembre la fiera comunale annuale di San Vittore Olona. L’evento si svolgerà lungo via...

Alla lettera di scuse diffusa nei giorni scorsi dall’amministratore delegato di Trenord Marco Piuri, i pendolari della Lombardia hanno risposto, in questi giorni, attraverso i rappresentanti dei loro comitati.

Le scuse si possono anche accettare, ma i problemi rimangono e, soprattutto, quelli registrati nei giorni più caldi tra giugno e luglio, di cui parla anche l’ad relativi ai guasti agli impianti di climatizzazione sui convogli, sono imputabili ad una manutenzione carente, mai puntuale, per come la vedono (e la vivono) i pendolari.

“Il mese di giugno (tutto) ha fatto registrare a Milano una temperatura media di 26,2°C; l’anno scorso, l’ultima settimana di luglio, sempre a Milano, ha fatto registrare una temperatura media di 26,3°C. Oramai periodi con temperature di questo tipo sono all’ordine del giorno in estate e pertanto non possiamo certo farci trovare impreparati, dal momento che la stagione più calda è soltanto all’inizio”, fanno notare i viaggiatori abituali delle linee Trenord.

Molti degli interventi straordinari sui treni, hanno fatto sì che gli stessi fossero cancellati o in ritardo. Su numerosi treni i condizionatori sono andati in blocco o si sono registrati allagamenti.

I pendolari denunciano a Piuri anche la mancanza di una comunicazione davvero completa e precisa con l’utenza: “Auspichiamo una maggiore attenzione alla comunicazione coi clienti, sia a bordo treno, sia nelle stazioni, e attraverso l’app ufficiale ed il sito internet, troppo spesso carenti di informazioni puntuali e, talvolta, fuorvianti. C’è ancora molto da fare”.

Articoli correlati

WHATS…APPERO’! – Il comunicato dei comitati S6 e Gallarate-Milano dei pendolari

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato redatto dai comitati S6 e Gallarate-Milano dei Pendolari, dal titolo, 'I grandi assenti nel martirio dei pendolari: il silenzio...

WHATS…APPERO’! – Nuovo comunicato del Comitato Pendolari Gallarate-Milano

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del Comitato Pendolari Gallarate Milano, condiviso anche con il Comitato S6, dopo che si e' tenuto l'incontro del quadrante...