16 C
Comune di Legnano
mercoledì 24 Febbraio 2021

I MISTERI DI SETTENEWS – L’ex ospedale psichiatrico di Mombello di Limbiate (MB)

Ti potrebbe interessare

Tenta di fuggire su un’auto rubata: arrestato un 43enne a Brebbia

E’ successo nelle scorse ore: i Carabinieri della Stazione di Besozzo hanno arrestato in flagranza di reato un 43enne, disoccupato, cittadino extracomunitario di nazionalità...

Partono i lavori di sistemazione del parcheggio davanti a “L’Oasi” di Cerro Maggiore

Chiuso per mesi al pubblico per problematiche strutturali, sarà presto oggetto di una riqualificazione a Cerro Maggiore il parcheggio di fronte alla Rrsa "L'Oasi":...

Il sindaco di Legnano Radice ribadisce alla RSU di Accam l’impegno dell’Amministrazione

Nella giornata di ieri, martedì 23 febbraio, il sindaco di Legnano Lorenzo Radice e l’assessore alle Società partecipate Alberto Garbarino hanno incontrato alcuni esponenti...

Regione Lombardia rivoluziona il suo piano vaccinale: cambia la strategia perché sia più efficace

Novità in Lombardia sul fronte dei vaccini anti Covid-19: la giunta regionale ha deciso il cambio delle strategie già adottate, per favorire le zone...

Come anticipato nel nostro video di presentazione, eccoci alla prima puntata del ciclo ‘I misteri di settenews’: le esplorazioni di Marco Alessandro David Patania e Andrea Jimmy Neurorock Geraci in luoghi affascinanti e ricchi di storia, alla riscoperta di cio’ che e’ stato dimenticato o distrutto dal tempo e dall’incuria e alla ricerca di fenomeni inspiegabili o paranormali.

La prima tappa e’ l’ex ospedale psichiatrico di Mombello, frazione di Limbiate (MB):

Ecco alcuni cenni storici sul sito esplorato, a cura di Marco Patania:

L’ex Ospedale Psichiatrico “Giuseppe Antonini” di Mombello, frazione di Limbiate,una volta  in provincia di Milano, ora Monza-Brianza, oggi è un complesso quasi completamente in disuso, ma un tempo fu una villa signorile molto importante.
Il cuore del complesso è costituito da Villa Crivelli, che fu dimora di Napoleone Bonaparte e Ferdinando IV di Borbone, costruita come dimora fortificata nel 14° secolo dai Pusterla, forse sui resti di un’abitazione più antica.

L’assetto cambiò diverse volte a causa dei numerosi rimaneggiamenti, tra cui quelli voluti nel XVI secolo dagli Arconati e da Anna Visconti.
All’inizio del XVIII secolo era una splendida villa, circondata da uno dei giardini botanici più grandi d’Europa, decorata da numerose fontane volute dal Conte Crivelli.
Qui si sposarono le sorelle di Napoleone, Paolina ed Elisa.

Una volta abbandonata la villa, iniziò il degrado, che durò fino al 1865, quando la Provincia di Milano la acquistò per adibirla ad ospedale psichiatrico.
All’introduzione della Legge numero 180, detta Legge Basaglia, del 13 maggio 1978, è cambiato nuovamente l’utilizzo del complesso, che oggi ospita un Istituto Tecnico Statale ed alcuni uffici pubblici.

Caratteristica di questo complesso è il parco di quasi 600.000 mq sotto al quale si snodano chilometri di gallerie.
Tra queste ci dovrebbe essere, secondo le leggende, anche il passaggio segreto voluto da Napoleone Bonaparte (si dice che arrivi fino a Monza, ma dopo circa 30/40 metri il percorso è sbarrato) e c’è anche un pozzo fondo 30 m, nel quale si dice che siano gettate le ossa dei pazienti sottoposti ad esperimenti e operazioni andate male.
Tale pozzo oggi è intasato da detriti e spazzatura e, al momento, la leggenda non è verificabile.

Il periodo di utilizzo del complesso come ospedale psichiatrico è stato caratterizzato da un insolito evento: si dice che il 26 agosto 1942 sia morto tra le sue mura Benito Albino Bernardi, primogenito di Benito Mussolini.
Benito Albino Bernardi nacque da Benito Mussolini e Ida Irene Dalser, ma, ripudiato da Mussolini, venne adottato da Giulio Bernardi.

I padiglioni abbandonati oggi vengono usati da fotografi e videomakers, proprio per l’ambientazione lugubre che vi regna.
Ma la parte più interessante di tutto il complesso è il labirintico intrico di corridoi, gallerie e cunicoli che si snoda al di sotto del parco.
Chilometri di gallerie che uniscono tra loro i vari reparti e ospitano i resti dei macchinari atti al funzionamento del complesso.
Un labirinto dove c’è chi si è perso, sconsigliabile a chi ha problemi respiratori e a chi è facilmente suggestionabile, ma che noi vi facciamo vedere nella sua totalità.

Le immagini sono di Marco Alessandro David Patania e Andrea Geraci

Articoli correlati

I MISTERI DI SETTENEWS – L’ex Macello di Saronno in notturna

"Ciao a tutti! L'esplorazione di questa settimana è a Saronno, precisamente all'ex Macello Pubblico, niente di paranormale, ma un posto ormai abbandonato, che in passato...

I MISTERI DI SETTENEWS – Video conclusivo del primo ciclo: tutte le anomalie delle esplorazioni

Video conclusivo della prima serie di esplorazioni per "I misteri di Settenews", con tutte le anomalie che abbiamo riscontrato nei vari posti che abbiamo...

VALLE OLONA – In bici lungo tutta la ciclopedonale con Marco Patania

La pista ciclo pedonale della Valle Olona, percorsa in bici per intero da Castiglione Olona a Castellanza: in sella il nostro collaboratore Marco Patania. Un...

I MISTERI DI SETTENEWS – Villa De Vecchi a Bindo di Cortenova (LC)

Per 'I Misteri di Settenews', stavolta, Marco Patania e Andrea Geraci ci portano in Valsassina, alla famigerata Ca' de Vecchi, o Villa De Vecchi,...

I MISTERI DI SETTENEWS – L’ex manicomio di Vercelli: un posto ricco di storia ed inquietudine

Questa volta, Marco Patania ed Andrea Geraci sono stati a visitare l'ex ospedale psichiatrico di Vercelli, per un'eplorazione davvero interessante: https://www.youtube.com/watch?v=bGbDUogPcWc Ecco i cenni storici, come...