lunedì, 17 Gennaio 2022

I giovani di Milano salutano la zona gialla con un pericoloso raduno in Darsena sprezzanti del Covid-19 e delle regole

Scene che ad un anno dall’inizio della pandemia nessuno avrebbe voluto vedere (né di nuovo commentare): nella tarda serata di ieri, sabato 27 febbraio, alla Darsena di Milano, luogo di ritrovo preferito soprattutto per la popolazione più giovane della città, si è svolto quello che in tanti hanno definito una sorta di “rave party”, vale a dire una festa, con musica, canti e balli, ma soprattutto caratterizzata da assembramenti di persone anche senza mascherina, contro ogni regola anti Coronavirus, sprezzanti delle probabilità ancora elevate di contagio.

Inutili gli appelli dei virologi e del sindaco Giuseppe Sala che, proprio nelle scorse ore, aveva lanciato un invito ai suoi concittadini di ogni età alla prudenza massima, all’evitare comportamenti scorretti e rischiosi che, come già dimostrato ampiamente da un anno a questa parte, portano ogni volta in una sola direzione: quella dell’aumento delle persone che si ammalano.

Le varianti del virus, come ampiamente spiegato nelle ultime settimane, dai rappresentanti del mondo scientifico, sanitario e anche politico, si stanno diffondendo in fretta, stanno attaccando i soggetti con un’età media attorno ai 44 anni (non più gli over 80) e stanno determinando in tutta Italia la “terza ondata” dei contagi.

Cosa non è ancora chiaro a chi difende a tutti i costi la propria libertà di fare festa, senza scrupoli per la salute della comunità? Da domani, lunedì 1 marzo, la Lombardia torna in zona arancione, e forse ci sarà qualcuno che si chiederà perchè.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI