lunedì, 22 Aprile 2024

I Carabinieri di nuovo impegnati nel contrasto delle stragi del sabato sera: ancora in troppi alla guida in stato di ebbrezza

Lo raccontano i Carabinieri, all’indomani dei loro controlli: nelle notti di sabato e domenica scorsi, i militari del Nucleo Radiomobile, all’esito di mirati dispositivi di controllo finalizzati alla prevenzione del fenomeno delle “stragi del sabato sera”, svolti in sinergia con i Carabinieri delle compagnie urbane e del 3° Reggimento “Lombardia”, hanno denunciato per guida sotto l’influenza dell’alcol tredici automobilisti trovati con un tasso alcolemico superiore ai limiti consentiti dalla legge, e sanzionati amministrativamente sempre per guida sotto l’influenza dell’alcol altri otto.

Durante i controlli alla circolazione stradale è stato denunciato anche un automobilista per guida senza patente, quindi multati per guida con patente scaduta altri due automobilisti. Complessivamente sono state controllate 217 autovetture e 306 persone.

Come si legge in una nota, nella serata di ieri, domenica 17 marzo, i Carabinieri del Gruppo di Rho, in occasione della ricorrenza di “San Patrizio”, hanno eseguito un servizio di controllo straordinario del territorio, finalizzato al contrasto delle violazioni al Codice della Strada vicino agli esercizi pubblici autorizzati alla somministrazione di alcolici. In particolare, le attività di verifica sono state effettuate nei territori delle Compagnie di Abbiategrasso, Corsico, Legnano, Rho e Sesto San Giovanni.

Complessivamente, sono stati controllati 60 veicoli e 141 persone e sono state denunciate tre persone, tra i 45 ed i 35 anni, per guida in stato di ebbrezza.

Un 32enne è stato denunciato per essersi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti alcolemici, dopo uno scontro stradale in cui è rimasto coinvolto, fortunatamente senza feriti. l’uomo è stato anche denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale, avendo proferito frasi ingiuriose nei confronti dei militari.
Tre le patenti di guida ritirate ieri ad altrettanti conducenti.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI