Cerca
Close this search box.
domenica, 21 Luglio 2024
domenica, 21 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

Gruppo CAP apre le porte dei suoi impianti per promuovere la cultura dell’acqua

Gruppo CAP apre le porte dei suoi impianti e laboratori per promuovere la cultura dell’acqua: succede da ieri, mercoledì 25 ottobre, ed oggi giovedì 26: Gruppo CAP, la green utility che gestisce il servizio idrico della Città metropolitana di Milano, apre i suoi impianti e laboratori a studenti e cittadini che vogliono imparare tutto su una risorsa così preziosa per la vita quotidiana.

Dopo l’open day al depuratore di Bresso-Niguarda, uno dei più importanti e innovativi dell’intero Paese, oggi le visite si possono compiere al laboratorio Salazzurra all’Idroscalo, dove si effettuano tutti i controlli che consentono a CAP di fornire agli utenti la migliore acqua della Lombardia.

A Bresso sono state illustrate le tecnologie impiegate nel depuratore e le attività di sperimentazione in corso. In questo grande impianto non soltanto le acque vengono depurate e purificate in modo che possano tornare nell’ambiente in modo assolutamente sicuro, ma vengono anche trattate per poter essere utilizzate in agricoltura, o addirittura per gli orti urbani del Parco Nord (per i quali è stata realizzata una conduttura dedicata). Come si legge in una nota, quelloBresso è molto di più di un depuratore: oggi è una bio-raffineria, capace di produrre biometano sfruttando i fanghi da depurazione, e quindi creare energia rinnovabile, pulita e a km0.

Oggi, dalle 9.30, sarà la volta del laboratorio Salazzurra, centro di eccellenza per l’analisi delle acque situato all’Idroscalo. Inaugurato nel 2018, il centro ricerche si estende su 1.200 metri quadrati, di cui 300 solo di laboratori, tra cui quelli dell’acqua potabile, dove con le più moderne tecniche vengono controllati oltre 28mila campioni ogni anno per determinare quasi 800mila parametri chimici e microbiologici, e garantire l’assoluta qualità dell’acqua della Città metropolitana di Milano. Il team di ricerca geologica, ospitato anch’esso in Salazzurra, si occupa di monitorare la falda acquifera sotterranea (compito sempre più delicato e importante alla luce della crisi climatica in atto) per comprenderne la storia, la consistenza e le evoluzioni, utilizzando tecnologie avveniristiche mutuate dall’archeologia e dalla ricerca aerospaziale.

Per informazioni e prenotare la visita: Soc. Coop. ACHAB, tel: 353/4316375, e-mail cap.scuola@educazione.org

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings