venerdì, 20 Maggio 2022

Green pass fasulli: Codacons denuncia le truffe nel Lecchese

“Il nuovo green pass fasullo costa 300 euro in Bitcoin, è pronto in due ore ed è a prova di controlli. Così i venditori truffaldini sono tornati a gettare l’amo nelle chat lecchesi in cui si riuniscono i no vax”, racconta Codacons Lombardia, che sta seguendo la notizia di questi giorni.

Come si legge in una nota, il modus operandi di questo nuovo tentativo di truffa è assai simile a quello che aveva spopolato a novembre attraverso il profilo Telegram del fantomatico dottor Arnauld: un profilo dal nickname straniero entra nella chat e dopo pochi secondi pubblica questo messaggio: “Salve, per la libertà di tutti, evitiamo il vaccino, prendi il tuo pass sanitario o vaccinale con la funzionalità Qr Code. Il tuo pass è disponibile in un massimo di 4 ore. Contattaci.”

Come spiega Codacons, l’ unica variante sembra essere il prezzo che, seguendo le statistiche di mercato, scende da 400 a 300 euro in Bitcoin, forse per garantire ai cittadini che si oppongono al vaccino una libertà che ormai credono sia andata persa ad un prezzo ancora più vantaggioso.
Il presidente Nazionale della Associazione Codacons, Marco Maria Donzelli ricorda : “Il certificato green pass non può essere falsificato o manomesso perché viene prodotto digitalmente con una chiave privata del Ministero della Salute che ne assicura l’autenticità. Pertanto esortiamo chiunque a diffidare da chi promette falsi green pass dietro richiesta di compensi”.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI