Cerca
Close this search box.
sabato, 13 Luglio 2024
sabato, 13 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

Gitanjali Rao: la baby scienziata che conquista la copertina di Time

E’ nata nel 2005 a Denver in Colorado e da sempre ha la passione per le scienze e le invenzioni, Gitanjali Rao selezionata tra oltre 5mila candidati dagli 8 ai 16 anni, è stata scelta dalla rivista Time per rappresentare i giovani che cambieranno il mondo.

Bella, intelligente, innamorata della scienza e fortemente convinta del potere e delle potenzialità delle donne, ha già al suo attivo la creazione di un dispositivo per individuare il tasso di inquinamento nell’acqua potabile, e di una APP per contrastare atti di cyberbullismo.

“Avevo 10 anni quando ho detto ai miei genitori che volevo fare una ricerca su dei sensori di carbonio nel laboratorio di ricerca di Denver Water. In televisione si vedono solo scienziati che sono uomini bianchi e vecchi. Il mio obiettivo non è solo creare strumenti per risolvere i problemi del mondo, ma ispirare altri a fare lo stesso, perché non è facile quando non vedi nessun altro come te. Per questo voglio far passare il messaggio che se io posso farlo, possono farlo tutti”, ha raccontato la ragazza durante un’intervista.

Per realizzare i suoi obiettivo, Gitanjali Rao ha promosso delle lezioni online durante le quali è riuscita a raggiungere più di 30mila studenti di scuole rurali, organizzazioni che promuovono lo studio delle scienze tra le ragazze e bambine, musei e infine la prestigiosa Royal Academy of Engineering di Londra.

Ma per Gitanjali Time non è il primo grande riconoscimento: questa giovanissima donna, nei suoi 15 anni di vita, è già stata premiata al Discovery Education 3M Young Scientist Challenge nel 2017, collaborando con un ricercatore allo sviluppo della propria invenzione per individuare il tasso di inquinamento dell’acqua, ricevendo un premio di 25mila dollari, quindi ha ricevuto il prestigiosissimo riconoscimento di Forbes per la categoria under 30.

I suoi sogni sono studiare genetica ed epidemiologia al Massachusetts Institute of Technology, e contribuire a cambiare la situazione lavorativa delle donne, cominciando dal divario retributivo di genere.

S. R.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings