30.7 C
Comune di Legnano
venerdì 23 Luglio 2021

GALLARATE – Partito il restauro della scultura di Pomodoro in largo Camussi

Ti potrebbe interessare

A Sumirago colpo in banca da 70mila euro: si cercano tre uomini

E’ successo nella tarda mattinata di oggi, venerdì 23 luglio, a Sumirago: tre ladri, con indosso un passamontagna ma senza armi, sono entrati nella...

Bilancio partecipato a Legnano: partiti gli incontri per i suggerimenti al previsionale 2022

Ha avuto inizio da qualche giorno in Comune a Legnano l’iter partecipativo che servirà per realizzare il bilancio previsionale 2022. Prima tappa l’ascolto delle...

Olimpiadi di Tokio: un minuto di silenzio per le vittime della pandemia. Sfilano le nazioni in nome della speranza

Si è svolta nelle scorse ore di oggi, venerdì 23 luglio, la cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi di “Tokio 2020”, posticipate di un anno...

Panchina distrutta a Canegrate: le immagini delle telecamere al vaglio della Polizia locale

Forse sarebbe meglio che l’ignoto (almeno per ora) responsabile del danneggiamento ad una panchina di piazza Matteotti a Canegrate, si presentasse spontaneamente negli uffici...

L’opera di  Arnaldo  Pomodoro  collocata al centro di  largo Camussi a Gallarate tornerà  al  suo  aspetto  originario.  “Movimenti  di  crollo”,  monumento  alla  Resistenza, posizionato nel centro gallaratese nel 1980, sarà pulito e lucidato. Si provvederà anche a sistemare
la vasca rimuovendo la guaina a base cementizia, ormai afflitta da infiltrazioni. Le parti murarie saranno ripristinate e rivestite con materiale bituminoso di colore nero, sostituendo quello marrone non originale presente fino a oggi. Esegue i lavori Agostino Ragusa, artigiano indicato dallo stesso Pomodoro,  già  impegnato in  mezza  Europa nella  manutenzione  di  opere  del  celebre orafo  e scultore.  L’intervento  dovrebbe concludersi  nell’arco  di un  mese.  I  costi sono  coperti  da  un finanziamento ottenuto  a  novembre  2014  dal  Comune  di  Gallarate – Settore  Cultura,  in collaborazione con il Museo MA*GA, grazie alla partecipazione a un bando regionale dedicato alla  valorizzazione del patrimonio culturale.

Articoli correlati