sabato, 26 Novembre 2022

GALLARATE – Contributi economici per chi abita in case Aler: come richiederli

(Foto da web)

<Questo è un contributo economico importante che vorrei diventasse una opportunità per tutte le famiglie residenti nelle casa popolari di Gallarate>. Franco Liccati, assessore ai Servizi sociali, fa riferimento ai fondi regionali di solidarietà riservati per la città ai soli inquilini di alloggi di proprietà Aler, e non anche a quelli di proprietà comunale. <Abbiamo preso contatti>, prosegue, <con il Pirellone per capire come potere allargare l’elargizione del contributo a tutti i gallaratesi che abitano in questo tipo di case e che hanno seri problemi a garantire il pagamento delle spese condominiali e del canone d’affitto. Stiamo parlando di mille nuclei in tutto e oggi solo la metà può beneficiare degli aiuti regionali>.
In attesa di capire se e quando verrà accolta la richiesta dell’assessore Liccati, l’amministrazione comunale ricorda a chi oggi ne ha diritto (ovvero i soli inquilini Aler) i requisiti per accedere al contributo:
– aver adempiuto all’obbligo dell’aggiornamento dell’ultima anagrafe utenza;
– essere inclusi, in base alla documentazione presentata nell’ultima anagrafe utenza, nell’Area di Protezione e nell’Area di Accesso, ai sensi dell’art. 31 comma 4 della legge regionale 27/2009;
– trovarsi, per un peggioramento della situazione economica del proprio nucleo familiare, nell’impossibilità effettiva a sostenere il costo della locazione sociale, dato dalla somma delle spese per il canone di locazione e delle spese per i servizi comuni;
– avere una permanenza minima nell’alloggio sociale, con riferimento alla data di stipula del contratto di locazione, non inferiore a 18 mesi dalla data di presentazione della domanda;
– aver già manifestato alla data del 28/07/2016 di pubblicazione sul BURL della deliberazione regionale, all’ente proprietario la volontà di concordare soluzioni funzionali a contenere e ridurre la morosità nel pagamento dei canoni e delle spese della locazione;
– avere un debito verso l’ente proprietario per canoni di locazione e/o per i servizi comuni connessi alla locazione, non superiore ad € 4.000,00 (quattromila/00);
– abitare in alloggio di proprietà dell’ALER
Gli assegnatari in possesso dei suddetti requisiti devono, altresì, impegnarsi a:
– sottoscrivere il Patto di Servizio con l’Ente proprietario, che disciplina gli impegni reciproci;
– corrispondere regolarmente le mensilità del canone di locazione a far data dalla sottoscrizione del patto di servizio;
– mantenere aggiornata la propria posizione anagrafica ed economico patrimoniale nell’ambito dell’anagrafe dell’utenza;
– attivare un percorso di politica attiva del lavoro presso uno degli operatori accreditati all’albo regionale per i servizi al lavoro, nel caso in cui versi in uno stato di disoccupazione, entro tre mesi dalla data di sottoscrizione del patto di servizio;
Le domande dovranno pervenire ad ALER di Varese -Como- Busto Arsizio- Monza Brianza entro e non oltre le ore 12 del 12 ottobre 2016

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI