GALLARATE – Alcolemia record per una ragazza: appello della Polizia Locale al senso di responsabilita’

Un’alcolemia oltre 6 volte il consentito: questo il risultato del test effettuato a fine febbraio, e comunicato il 22 marzo alla Polizia Locale di Gallarate, su una giovane che ha provocato un incidente in via Noè. L’episodio è avvenuto intorno alle 22.30, all’altezza dell’intersezione con via Palestro dove, stando alla ricostruzione dei Vigli intervenuti, la guidatrice ha bruciato uno stop e provocato l’impatto tra la sua utilitaria e un’altra auto. Danni fisici lievi per le persone coinvolte, ma la ragazza è stata accompagnata in ospedale per una visita. Inevitabile la prova con l’etilometro che ha rilevato un tasso alcolico di 3,16 grammi per litro. Pesanti le conseguenze. La giovane, classe 1993, si è infatti messa al volante con un valore superiore all’1,5 (il triplo del consentito), soglia oltre la quale scatta la forma più pesante del reato di guida in stato di ebbrezza. Il mancato rispetto dello stop, l’essere neopatentata e l’avere provocato l’incidente dopo le 22.00 sono aggravanti che portano a 32 il numero di punti patente persi, dunque la ragazza dovrà rifare l’esame di idoneità alla guida. La Polizia Locale di Gallarate, costantemente impegnata in servizi per la prevenzione e il contrasto della guida in stato di ebbrezza, rinnova l’appello al senso di responsabilità dei guidatori e ricorda che mettersi al volante in stato di alterazione significa creare pericoli potenzialmente mortali per se stessi e per gli altri utenti della strada.

print