Cerca
Close this search box.
sabato, 20 Luglio 2024
sabato, 20 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

Firmato il nuovo DPCM: sarà in vigore fino al 6 aprile. Ancora un mese di restrizioni

(Foto da RAI 1)

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha firmato ieri il nuovo DPCM, dal vigore da sabato 6 marzo, fino al 6 aprile. Nuove indicazioni, e nuove restrizioni, che puntano quasi in modo assoluto alla tutela della salute e alla sicurezza di tutti i cittadini.

Come commentato dal ministro della Salute, Roberto Speranza, ogni provvedimento che sarà adottato punta a debellare una volta per tutte il Covid-19, o quanto meno a ridimensionare la pandemia per la ripartenza del Paese.

Nell’insieme il nuovo DPCM si basa sui modelli dei precedenti, con le regioni suddivise nei vari colori, perché così è più facile intervenire nei diversi territori, dove si verificano i nuovi contagi. Confermato il divieto già in vigore di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, se non per motivi di lavoro, salute o necessità.

Come si legge nel testo del documento, nelle zone bianche si prevede la cessazione delle misure restrittive previste per la zona gialla, pur continuando ad applicarsi le misure anti-contagio generali (obbligo di indossare la mascherina e mantenimento delle distanze interpersonali) e i protocolli di settore. Restano sospesi gli eventi come fiere, congressi, discoteche e pubblico negli stadi.

Nelle zone rosse si prevede la sospensione dell’attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell’infanzia e le elementari. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Nelle zone arancioni e gialle i presidenti delle regioni potranno disporre la sospensione dell’attività scolastica nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti: nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di 7 giorni, e nel caso di un eccezionale peggioramento del quadro epidemiologico.

Nelle zone gialle si conferma la possibilità per i musei di aprire nei giorni infrasettimanali, garantendo un afflusso controllato. Dal 27 marzo, sempre nelle zone gialle, è prevista l’apertura anche il sabato e nei giorni festivi. Dal 27 marzo, nelle zone gialle si prevede la possibilità di riaprire teatri e cinema, con posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala. Restano chiusi palestre, piscine e impianti sciistici.

In tutte le zone è stato eliminato il divieto di asporto dopo le ore 18 per gli esercizi di commercio al dettaglio di bevande da non consumarsi sul posto. Nelle zone rosse, saranno chiusi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici.

È stato istituito un tavolo di confronto al Ministero della Salute, cui partecipano rappresentanti dell’Istituto Superiore di sanità, delle Regioni e delle Province autonome, del Ministro per gli affari regionali e le autonomie e del Comitato tecnico-scientifico, per procedere all’eventuale aggiornamento dei criteri per la valutazione del rischio epidemiologico, considerando anche la diffusione delle nuove varianti.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings