sabato, 22 Gennaio 2022

Di chi sono le spiagge?

Le spiagge d’Italia appartengono al demanio, quindi sono pubbliche.

E’ questo il punto fermo attorno cui ruota una recente polemica, sollevata a proposito degli accessi alle spiagge a pagamento, lungo numerosi tratti di litorale, che in queste settimane sono affollati di vacanzieri.

Le spiagge sono pubbliche e non è possibile impedirne l’accesso, a patto che si osservino alcune regole dettate dallo Stato.

Se è vero che porzioni di spiaggia sono date in concessione a privati, che possono allestirvi luoghi di svago e di ristorazione, come i tradizionali “lidi”, è vero che chiunque può transitare e sostare lungo quelle porzioni di spiaggia dove infrangono le onde: le battigie. Su circa 5 metri di spiaggia bagnata dal mare chiunque può passare, perché si tratta di zone libere, quindi di tutti. La legge vieta agli operatori turistici di occuparle.

Tuttavia, chi sosta sulla battigia, perché è libera da pagamento di accessi, può farlo soltanto per breve tempo, e soprattutto senza intralciarne il passaggio.

Se la spiaggia è di tutti, è necessario il rispetto dei diritti condivisi.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI