Crisi Telecom Italia-Tim: 4.500 esuberi parte la cassa integrazione per 29mila lavoratori

(Foto da web - Il Sole 24Ore)

E’ ufficiale: il gruppo Telecom Italia – Tim ha chiesto al Ministero del Lavoro l’avvio della procedura per la Cassa integrazione guadagni straordinaria, la Cigs, della durata di almeno un anno e per almeno 29mila lavoratori.

La cassa integrazione avrebbe inizio dal 18 giugno e, secondo quanto riferito dalla direzione dell’azienda agli analisti finanziari, corrisponderebbe al costo di 2.800 dipendenti in meno nel corso di un anno.

Da marzo procedono le trattative sulla riorganizzazione del personale, che non hanno messo d’accordo l’azienda con le sigle sindacali, nemmeno dopo l’incontro del 4 maggio scorso.

I sindacati dicono no alla Cigs, l’azienda non cede sul ritorno alle contrattazioni di secondo livello, in attesa che si esprima il Ministero. Dal momento che il Ministero avrà avviato l’iter Cigs previsto, rimarranno venticinque giorni per valutarne soluzioni alternative.

print