mercoledì, 29 Maggio 2024

CITTA’ METROPOLITANA – Parte il 2 novembre la campagna di vaccinazione antinfluenzale 2016/2017

(Foto da web)

L’influenza rappresenta un serio problema di Sanità Pubblica a causa della sua contagiosità nonchè una rilevante fonte di costi diretti e indiretti per l’attuazione delle misure di controllo e la gestione dei casi e delle complicanze della malattia ed è tra le poche malattie infettive che di fatto ogni uomo sperimenta più volte nel corso della propria esistenza indipendentemente dallo stile di vita, dall’età e dal luogo in cui vive.

Come avviene il contagio
La trasmissione interumana del virus dell’influenza si può verificare per via aerea attraverso le gocce di saliva di chi tossisce o starnutisce, ma anche attraverso il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie.

Dove è possibile vaccinarsi
Ø Presso i Medici di Medicina Generale aderenti a partire dal 2 novembre
Ø Presso gli Ambulatori Vaccinali dei Distretti secondo il calendario reperibile su https://www.asl.milano.it/user/Default.aspx?SEZ=10&PAG=88&NOT=7284

A quali gruppi il vaccino sarà somministrato gratuitamente
Obiettivo primario della vaccinazione antinfluenzale è la protezione di quei soggetti che, in caso di infezione, potrebbero riportare più gravi complicanze e quindi

Ø Soggetti di età pari o superiore a 65 anni (nati nell’anno 1951 e precedenti).
Ø Bambini di età superiore ai 6 mesi ed adulti, affetti da patologie croniche, quali:
• malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio (inclusa l’asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica, la broncopatia cronico ostruttiva – BPCO );
• malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite;
• diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi gli obesi con BMI >30);
• malattie renali con insufficienza renale;
• malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie;
• epatopatie croniche;
• tumori;
• malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV;
• malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali;
• patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici;
• patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari).
Ø Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale.
Ø Donne che si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza all’inizio della stagione epidemica.
Ø Persone residenti presso strutture socio-sanitarie, per anziani o disabili.
Ø Medici e personale sanitario di assistenza, personale di assistenza case di riposo ed anziani a domicilio, volontari dei servizi sanitari di emergenza.
Ø Persone conviventi con soggetti portatori di patologie croniche di cui sopra.
Ø Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali (suini e volatili) che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani

Come è andata la scorsa stagione
Durante la scorsa stagione, sul territorio di ATS Città Metropolitana di Milano, sono state somministrate 390.174 dosi di vaccino, di cui 336.380 in soggetti di età ≥ 65 anni con una copertura vaccinale complessiva del 45% per questa categoria, in lieve aumento rispetto all’anno precedente ma ancora lontano dall’obiettivo nazionale del 75%.
Hanno aderito alla campagna vaccinale oltre 1.800 Medici di Medicina Generale e 215 strutture socio-sanitarie e sanitarie.
L’andamento delle forme influenzali sul territorio nazionale registrato tramite il sistema “Influnet” ha evidenziato che il picco epidemico è stato raggiunto nella seconda settimana di febbraio e l’influenza ha colpito circa l’8% degli italiani, per un totale di circa 4.900.000 casi dall’inizio della stagione.

Le novità di quest’anno
Il vaccino per la stagione 2016-2017 conterrà una nuova variante del sottotipo virale H3N2 e una variante del tipo virale B diversa da quella contenuta nel vaccino dell’anno scorso, un motivo in più per vaccinarsi in quanto la diffusione dei virus influenzali quest’anno potrebbe essere più intensa.
Nel 2016, inoltre, i Medici di Medicina Generale aderenti potranno eseguire anche la vaccinazione contro lo pneumococco, un germe che può comportare l’insorgenza di polmoniti e meningiti soprattutto nelle persone più fragili o affette da patologie croniche.

Per la stagione 2016/2017 ATS Città Metropolitana di Milano prevede di vaccinare oltre 400.000 cittadini.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings