sabato, 2 Marzo 2024

Che l’Amministrazione comunale non rimanga inerme

Giuseppe Marazzini

“Respiriamo per vivere non per morire” è il titolo di una proposta, con la quale si chiedeva l’installazione a Legnano di una centralina di monitoraggio degli inquinanti presenti nell’aria, presentata e sostenuta da parecchi cittadini nella prima edizione del Bilancio partecipativo a Legnano.

Scrive così oggi, martedì 3 gennaio, Giuseppe Marazzini, capogruppo consiliare per Sinistra Legnanese, nel suo blog: un richiamo all’importanza di rendere permanente una campagna a sostegno di aria pulita e salubre, da quando anche a Legnano la situazione è grave.

Del resto, che la qualità dell’aria sia pessima si trova nella relazione presentata dall’ARPA a seguito di un monitoraggio effettuato nel periodo estivo e invernale nell’anno 2016, e recentemente pubblicata anche sul sito web del Comune.

“L’Amministrazione comunale a fronte di un inquinamento dell’aria molto pericoloso per la salute dei propri cittadini, non può rimanere inerme. Il sindaco è per legge e per quanto di sua competenza, il massimo responsabile della salute della cittadinanza, quindi ha l’obbligo di agire e di fare quanto è nelle sue possibilità per prevenire e limitare i danni alla salute pubblica”.

Marazzini propone di avviare al più presto un’informazione quotidiana sullo stato della qualità dell’aria, utilizzando il sito web del Comune, la rete delle farmacie, la biblioteca, gli uffici di AMGA e di altri enti pubblici (INPS, Ufficio delle Entrate, ecc.), indicando anche le misure base di prevenzione (non correre all’aperto in certi orari, evitare il passeggio coi bambini nei luoghi di traffico intenso, eccetera).

“Bisogna inoltre intensificare il controllo degli autoveicoli, soprattutto quelli commerciali e di trasporto pubblico, che circolano ed attraversano la città spesso con scarichi fuori norma. Intensificare il controllo degli scarichi gassosi degli impianti industriali e civili. Programmare il rinnovo del parco mezzi per i servizi pubblici, con trazione a gas o elettrica”, suggerisce il consigliere.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI