16.9 C
Comune di Legnano
giovedì 24 Settembre 2020

Che i falò brucino soltanto legna secca

Ti potrebbe interessare

Al via domani la “Showcase” a Canegrate

Dopo un fine settimana dedicato al cinema, Canegrate si rituffa in una nuova avventura culturale con l'evento live “Showcase”, la nuova rassegna...

Team Legnano Nuoto: quanti atleti!

Ad una settimana dalla partenza degli allenamenti del nuovo progetto sportivo targato “Team Legnano Nuoto”, sono già 120 gli atleti che hanno...

Saranno mesi di “resistenza”. I prossimi, contro il Coronavirus

Lo ha dichiarato nelle scorse ore il ministro della Salute Roberto Speranza: “I prossimi mesi non saranno facili, anzi, saranno i mesi...

E Delta Live adesso è a Somma Lombardo

Nuova “trasferta” per Radio Delta Live, la trasmissione mattutina di Radio Delta International, che da ieri, martedì 22 settembre e per quattro...

In questi giorni di emergenza smog a Milano e in Lombardia, nonché in altre città d’Italia, si diffondono le raccomandazioni a non abusare dei fuochi all’aperto, in particolare dei tradizionali falò accesi per festeggiare, come ogni anno in numerose località, Sant’Antonio.

I fumi delle pire possono contribuire a peggiorare la situazione del PM10 alle stelle, vale a dire ben oltre le soglie massime consentite (50mg/mc) ma, non potendo rinunciare, la maggior parte dei Comuni, alle tradizioni popolari, una è la raccomandazione per tutti: che siano accesi fuochi contenuti, falò simbolici per non interrompere le usanze, e che si bruci soltanto legna secca.

Nelle scorse ore sulla questione si è espresso anche Raffaele Cattaneo, assessore all’Ambiente e al Clima, raccomandando l’impiego di legna secca e non fresca, perché quest’ultima aumenta le polveri inquinanti, e di non bruciare altro materiale se non legno.

Articoli correlati

Fuochi di sera, buon anno si spera a Legnano

Tutti con il naso all'insù, ieri a Legnano, dove nel tardo pomeriggio si è svolto il consueto spettacolo dei fuochi d'artificio lungo...