8.4 C
Comune di Legnano
lunedì 28 Settembre 2020

Centocinquanta famiglie raggiunte dagli aiuti a Castellanza

Ti potrebbe interessare

Recuperato un pitone lungo la statale a Maccagno

E’ successo ieri pomeriggio, domenica 27 settembre a Maccagno con Pino e Veddasca: i Vigili del fuoco di Luino sono stati chiamati...

I servizi scolastici sono ripartiti con prudenza a Canegrate

“Consci dei pericoli, misurandoci con mille difficoltà e con qualche piccolo inevitabile disguido (voi ci aiutate con le vostre segnalazioni), prima di...

Elettra Lamborghini e Afrojack sposi sul Lago di Como

Sono sempre di più le star nazionali ed internazionali che scelgono le location più suggestive della Lombardia per dirsi di sì.

Aggredito un ragazzo in stazione a Legnano

E’ successo ieri mattina, domenica 27 settembre, in piazza Butti, davanti alla stazione ferroviaria di Legnano: un ragazzo di 22 anni ha...

Sono più di centocinquanta le famiglie indigenti raggiunte dagli aiuti a Castellanza, nelle settimane dell’emergenza da Coronavirus.

Lo raccontano i volontari de La Mensa del Padre Nostro, che hanno stilato un elenco dei generi alimentari distribuiti, ma anche di altri aiuti, avvalendosi della collaborazione dei Servizi sociali del Comune, della Protezione Civile, del gruppo Guardiafuochi, degli Alpini e dei ragazzi degli oratori.

“Abbiamo raggiunto 151 famiglie con la consegna settimanale a domicilio di pacchi spesa. Abbiamo distribuito 1.927 lt. di latte, 505 lt. di olio, 1.771 Kg. di pasta, 1.204 Kg. di riso, 486 Kg. di zucchero, 1.129 scatolette di carne in scatola, 2.071 scatolette di tonno, 1.433 pacchi di  biscotti 741 pacchi di biscotti per l’infanzia, 2.193 lattine di pelati e  1.946 lattine di legumi. Vanno aggiunti alimenti di ogni genere: burro, grana, gnocchi, affettati, formaggi, uova, sale, farina, succhi, omogenizzati, tortine, uova di pasqua, colombe, panettoni, chiacchere e Nutella”, come si legge in una nota. Un aiuto significativo l’hanno dato anche alcuni negozi, come la Tabaccheria Saravalli, quindi Tigros, Il Gigante e la Metro.

Gli Alpini, dal 15 aprile al 17 maggio hanno cucinato 4.870 primi piatti, consegnati a pranzo a domicilio alle famiglie in difficoltà.

“Le 137 famiglie solidali e tanti cittadini hanno risposto alla grande al nostro appello di solidarietà con donazioni di alimenti a lunga conservazione e contributi in denaro. Ad oggi abbiamo raccolto 13.019 euro, che ci hanno permesso di acquistare e distribuire 241 tessere prepagate da 25 euro, per l’acquisto di generi alimentari di prima necessità. Un grosso grazie ai volontari e a tutti quanti ci hanno aiutato in questo periodo di difficoltà”.

Articoli correlati

Torna il Picnic solidale a Castellanza

Anche quest’anno, grazie alla disponibilità di numerose associazioni, l’Amministrazione comunale di Castellanza propone l’iniziativa del “Picnic solidale”, che si svolgerà venerdì 25...

Aiuti agli anziani: Canegrate stila un bilancio del progetto concluso il 31 luglio

L’obiettivo era fornire un aiuto concreto alle persone sole, anziane o fragili, per le attività della vita quotidiana da svolgere all’esterno, durante...

No all’usura: anche Castellanza aderisce alla campagna

Certa che la promozione della legalità sia uno dei compiti fondamentali di chi amministra, l’Amministrazione comunale di Castellanza ha deciso, in collaborazione...

“Rugby Sound Festival” chiede aiuti per l’edizione 2021

“Quest'anno non siamo riusciti a salutarvi sotto il palco come di consueto, e questo ci spiace davvero molto, ma è stato giusto...

Parabiago partecipa al bando per 100mila euro alle attività

Da Regione Lombardia 100mila euro di contributi per le attività commerciali e imprenditoriali: l’Amministrazione comunale di Parabiago ha scelto di partecipare al...